Riduzione del 99%

L'ozono riduce il rischio di agenti patogeni di origine alimentare nelle spedizioni oltreoceano

I prodotti ortofrutticoli viaggiano per il mondo per arrivare direttamente al consumatore finale. Il mercato della frutta, in particolare, è decisamente globale: circa il 9% di tutti i frutti coltivati vengono commercializzati a livello internazionale. La maggior parte viene spedita in container refrigerati per trasporti oceanici. Durante il transito, diversi fattori determinano la qualità dei prodotti all'arrivo a destinazione. "Le persone guardano all'aspetto esterno del frutto e alla sua qualità", afferma Christian DeBlasio della Purfresh.

Temperatura
La temperatura è uno di questi fattori. Per una shelf-life ottimale, è importante mantenere i diversi prodotti alle giuste temperature, per esempio i mirtilli devono essere tenuti a -1 ⁰C, mentre per l'ananas la temperatura è di +6.5 ⁰C. "Mettere insieme prodotti che richiedono temperature diverse ha un impatto negativo sulla durata di conservazione".

Il flusso d’aria
Il flusso d’aria è un altro fattore critico per i prodotti ortofrutticoli freschi. La maggior parte dei container è progettata con efficienti sistemi di circolazione dell’aria, che spingono aria fredda attraverso le scanalature del pavimento. Per la maggior parte delle varietà di frutta e verdura, il flusso d'aria costante che attraversa il container aiuta a prolungare la durata di conservazione dei prodotti. "Molti container refrigerati hanno modalità di risparmio per la ventilazione, il che significa che il flusso d'aria viene ridotto per ragioni di efficienza energetica, che per alcuni carichi va bene, ma certamente non per frutta e verdura fresca", ha detto DeBlasio.

Ventilazione
La ventilazione comporta la selezione del giusto mix di aria fresca che entra nel container. "Anche questo è un fattore molto importante", ha spiegato DeBlasio. I clienti possono selezionare il mix di aria fresca in metri cubi per ora (CMH), da 5 fino ad arrivare a 200".

In generale, l'aria oceanica umida e salata non è buona per il carico, ma chiudere le prese d'aria può risultare dannoso per alcune varietà, poiché i livelli di CO2 diventerebbero troppo alti. DeBlasio: "In generale, più bassa è la quantità di CMH, meglio è. Prodotti come mango e avocado possono essere danneggiati con livelli elevati di CO2 che si sviluppano quando le prese d'aria vengono del tutto chiuse".

Di contro, le uve da tavola hanno una respirazione lenta e possono sopportare alti livelli di CO2. Di conseguenza, per questo frutto, non vi è alcun rischio nel tenere chiuse le prese d'aria.

Atmosfera controllata
Ultimo ma non meno importante, un fattore chiave è l'atmosfera controllata (CA). "Maggiore sono i tempi di transito, maggiore è la possibilità che voi dobbiate utilizzare l’atmosfera controllata". E' molto più difficile aggiungere atmosfera controllata a una spedizione di frutta climaterica dal Sud America all'Asia (da 20 a 30 giorni di viaggio), che a una spedizione dall'America centrale al Nord America, con un tempo di transito da quattro o sette giorni circa.

Secondo DeBlasio: "L'atmosfera controllata tradizionale aumenterà i livelli di CO2 e diminuirà l'ossigeno. Questo è fondamentale per avocado, mirtilli, papaia e mango. Molte aziende offrono servizi CA per container, ma noi ci differenziamo perché aggiungiamo ozono, oltre ad aumentare la CO2 e diminuire O2".

"Purfresh è una delle poche opzioni esistenti anche per quanto riguarda la sicurezza alimentare all'interno di un container refrigerato, oltre all'estensione della shelf life in atmosfera controllata, quando i prodotti ortofrutticoli freschi vengono trasportati all'estero".

Ozono
"Molto spesso, sentiamo parlare di pericolose contaminazioni di origine alimentare attraverso frutta e prodotti trasportati, come E. coli, Salmonella e Listeria", ha spiegato DeBlasio. "I Paesi hanno normative diverse sul trattamento degli alimenti e quando sono coinvolti più Paesi, diventa difficile garantire la sicurezza. L'ozono riduce il rischio di malattie di origine alimentare in quanto sterilizza container e carico".

Composto dall'ossigeno presente nell'aria, l'ozono uccide i microrganismi superficiali e aerodispersi.

Quando le aziende inviano i loro prodotti in un magazzino centrale condiviso, i prodotti possono contaminarsi. "Un container per la spedizione può anche essere una fonte di contaminazione in quanto non si sa cosa conteneva prima". L'ozono ridurrà in modo significativo il rischio di contaminazione incrociata, e può limitare il numero di patogeni alimentari fino al 99%, in meno di 5-7 giorni.

Molte persone usano l'ozono per i suoi benefici nella durata di conservazione, in quanto distrugge etilene, muffe e batteri. "Poche persone sono consapevoli del fatto che, oltre a estendere la shelf-life, l’ozono apporta anche significativi benefici alla sicurezza alimentare", ha concluso DeBlasio.

 

Per maggiori informazioni: 
Christian DeBlasio 
Purfresh 
Tel: (+1) 813-546-0274 
cdeblasio@purfresh.com
www.purfresh.com
www.intellipur.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto