Per carenza di politiche statali

Le esportazioni di banane ecuadoriane verso l'Europa sono diminuite dell'11%

Le esportazioni di banane ecuadoriane verso l'Unione europea (UE) sono diminuite dell'11,5% a febbraio 2019, se confrontate allo stesso periodo del 2018, secondo i dati forniti dal Sistema di informazioni commerciali (SICOM) del locale ministero del commercio estero.

La Banana Marketing and Export Association (Acrobanet), che l'8 aprile ha pubblicato l’andamento delle esportazioni ecuadoriane di questo prodotto nei mesi di gennaio e febbraio 2019, è consapevole di questo calo delle esportazioni.

Secondo il rapporto, nei primi due mesi del 2018 l'Ecuador aveva esportato 21.653.668 casse nei Paesi dell'Unione europea, mentre nel 2019 solo 18.726.845. Il presidente della Banana Producers Regional Corporation (Agroban), Gustavo Marun, ha dichiarato che una delle ragioni di questo calo è stata la mancanza di politiche statali finalizzate a far diventare il settore delle banane uno dei più importanti del Paese. L'Ecuador risultava sempre più costoso e l’ultimo fornitore a cui ricorrere. "Più l'offerta cresce in America Centrale, meno risulta indispensabile l'Ecuador come fornitore di frutta. Stiamo perdendo terreno sul mercato, soprattutto in Europa".

Tuttavia, Eduardo Ledesma, presidente dell'Associazione degli esportatori di banane dell'Ecuador (AEBE), ritiene che le esportazioni non abbiano registrato cambiamenti di rilievo. "Entro la settimana 12, il Paese avrà esportato 80 milioni di casse. Forse meno delle stime, ma niente di così drastico come variazione".

Ledesma ha precisato che il calo delle esportazioni verso l'UE è dovuto alla stagione invernale, dal momento che interessa una parte delle aree coltivate, ma anche altre che sono al massimo della produzione. Ha aggiunto che il settore è cresciuto del 5% ogni anno, ma che sarebbe cresciuto di più se non avesse incontrato così tanti ostacoli. Ha fatto riferimento alla legge sulle banane, oggetto di studio da parte dell'Assemblea nazionale. Ledesma ritiene che dovrebbe essere presentata una legislazione in proposito. "Ci dovrebbe essere una nuova legge che protegga i piccoli produttori e stabilisca un prezzo di riferimento, delle garanzie, oltre alle sanzioni nel caso in cui l'esportatore non si conformasse alle regole".

Fonte: eltelegrafo.com.ec


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto