Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Evento di approfondimento presso la ditta Orto Flora

La nuova agricoltura alla ricerca di una simbiosi tra naturale, biologico e convenzionale

"Aprirsi all'agricoltura biologica e alle sostanze naturali per utilizzarle in sinergia con quelle convenzionali, per abbattere l'impatto ambientale sia sull'ambiente sia sugli operatori in agricoltura, quindi aprirsi con mente aperta alla ricerca di prodotti naturali che possano sostituire i prodotti convenzionali, praticare lavorazioni differenti, inseguire una simbiosi tra agricoltura naturale, biologica convenzionale per arrivare a un'unica agricoltura sostenibile per tutti". Marta Cipriani, esperta di giardinaggio e agricoltura biologica, titolare di un'azienda orticola a Magione, sul Trasimeno, ha chiuso con una lunga relazione l'incontro "Ricerca e innovazione, l'agricoltura del domani: oggi", organizzata presso Orto Flora di Valter Finocchietti.

Sopra e sotto: due immagini della location

Perché il futuro è già cominciato, non solo nelle pratiche sperimentali e all'avanguardia, ma dentro una tempistica scandita da importanti obblighi di legge: "Dal 2 maggio del 2020, per chi non è in possesso del "patentino", sarà impossibile acquistare prodotti fitosanitari con una settantina di principi attivi. Già dal novembre scorso molti insetticidi e prodotti antifungini sono venduti in quantità limitate. Il futuro è nell'agricoltura integrata e sostenibile".

Marta Cipriani, esperta di agricoltura biologica, consulente di NewPharm. Sotto: Valter Finocchietti

Almeno 400 i partecipanti all'evento, ospitato da Orto Flora, l'azienda romana guidata da Valter Finocchietti che, così ha spiegato a FreshPlaza, ha invitato dettaglianti, hobbisti e anche colleghi vivaisti a seguire le relazioni sugli ultimi risultati della Olter nel miglioramento genetico delle varietà, di Agrochimica per quanto riguarda i substrati del marchio Brill e l'impiego del tannino di castagno nella lotta ai nematodi e di NewPharm per quanto riguarda corroboranti, antiparassitari ed insetticidi da utilizzare in contesti di agricoltura biologica.

L'arrivo dei partecipanti e la sala

"Perché il futuro, appunto, è già oggi, proprio per via dell'obbligo della normativa sui fitofarmaci e una necessità di conoscenza per gli operatori", dice Finocchietti, cui va il merito di aver aperto le porte della sua azienda a un momento di di formazione e aggiornamento che interessa rivendite agrarie, garden center, aziende agricole nonché tutto il settore vivaistico .

A sua volta, Massimo Tamburini aggiunge: "L'evoluzione è necessaria anche con riguardo all'abbassamento della soglia di residuo tossico tollerato dalle grandi catene di distribuzione". Tamburini, da 35 anni nel settore sementiero per conto della Olter e vanta un'esperienza in marketing e comunicazione maturata anche fuori da quel settore: è stato lui il trait d'union tra le aziende e Ortoflora per un evento decisamente diverso dalla solita convention per la promozione aziendale.

Per Agrochimica, Domenico Masiero e Mauro Giovanazzi, rispettivamente direttore di stabilimento e responsabile hobby garden, hanno spiegato i processi produttivi e le caratteristiche dei substrati organici e inorganici frutto "dell'unico impianto con tecnologia "olandese" in Italia, i Paesi Bassi - ha detto Masiero - sono all'avanguardia nel comparto".

E' in questo contesto che Agrochimica ha sfornato TerraBrill Magic, un terriccio "un prodotto molto tecnico, una miscela selezionatissima, destinata all'hobbista realizzata grazie al nostro know how professionale, che si colloca nella fascia super premium per contenuti e caratteristiche innovative - dice al nostro giornale, Mauro Giovanazzi - a differenza di altre operazioni di questo tipo che sono più che altro operazioni di marketing aggressivo.

Dopo due anni di sperimentazione applicata in campo, l'agronomo Gaetano Caliendo ha illustrato le virtù di FertilTan Powder, Tannino idrolizzato in polvere, ammesso in agricoltura biologica, concentrato in acqua, a bassa temperatura e con soli mezzi fisici, potente antimicrobico e stimolatore della crescita, consente la formazione di nuove radici, e la ripresa regolare dello sviluppo, dopo gli attacchi di nematodi. In corso sperimentazioni del prodotto su meloni, zucchino, patata, carota e rucola.

Recupero delle varietà locali e nuovi ibridi, resistenze genetiche e alte qualità organolettiche, ecco Olter e T&T, insieme nel Blumen Group. "Da circa 60 anni il marchio Olter è attivo in ricerca con l'obiettivo primario di creare nuove varietà di ortaggi che si caratterizzino per un livello altissimo delle proprie proprietà organolettiche - ha spiegato Stefano Motton, professional seed division del gruppo - Olter ha sempre lavorato e ancora oggi continua a farlo per mettere a disposizione anche del più piccolo degli agricoltori il top della propria genetica".

T&T è un marchio che è sinonimo di innovazione all'insegna della tradizione italiana e che da più di 50 anni lavora con l'intento di migliorare la genetica da mettere a disposizione degli agricoltori italiani nel radicchio e nelle varietà da baby leaf.

T&T ha raggiunto livelli di assoluta eccellenza nel mondo (è stata la prima azienda al mondo a commercializzare ibridi F1 di radicchio) e oggi è presente con i suoi prodotti in tutti i continenti.

I "plant breeder", i genetisti del gruppo delle stazioni di ricerca di Sabaudia e Asti - da Mariano Giannone a Francesca Starace, da Rachele Tardani a Elena Avite - hanno presentato lo sviluppo di nuovi ibridi vantaggiosi per le aziende e per l'agricoltura, gli F1 e i programmi di miglioramento delle sementi di pomodori, peperoni, melanzane, fagioli nani e rampicanti, fagiolini, zucchini, basilico, finocchio, lattughe comprese le novità in arrivo anche per la quarta gamma o per la ricerca di varietà attuali, in sintonia con le tendenze dei mercati.

"Una nuova coscienza sta facendo crescere la domanda del bio in maniera spaventosa", dirà infine Tamburini introducendo l'intervento di Marta Cipriani che si è concentrata a lungo sul cambio di passo che coinvolge i luoghi della produzione e della vendita con le modifiche delle norme sui fitofarmaci, "nei vivai, infatti, c'è la concentrazione massima dei trattamenti e il futuro riguarda anche la sicurezza degli operatori".

A mutare non è solo lo scaffale dei prodotti ma l'approccio: Cipriani ha ricordato l'importanza della lotta biologica, della prevenzione e del monitoraggio, la modifica delle abitudini di irrigazione, la necessità di limitare i concimi azotati e dei giusti strumenti di raccolta oltre all'uso mirato dei corroboranti a cui dedicherà una porzione notevole del suo intervento dopo aver spiegato come riconoscere fattori nocivi biotici e abiotici.

"Il futuro consisterà nel cercare soluzioni che già la natura ha messo a punto: propoli, lecitina di soia e bicarbonato per combattere funghi e insetti, e sapone molle di potassio, olii vegetali di soia o di neem, la polvere di roccia, la terra di diatomee, litotamnio e zeolite".

Contatti:
Orto Flora di Finocchietti Valter
Via Domanico, 165
00132 Roma
Tel.: 06 2072986
Fax: 06 2075387
Web: www.ortofloradifinocchietti.it

Autore: C.A. per FreshPlaza


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto