Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Molte varianti e una fornitura abbondante di indivia belga

Sebbene l'indivia sia un ortaggio tipicamente invernale, oggi può essere consumata tutto l'anno, grazie alla tecnica idroponica. Sta diventando anche un prodotto più diversificato. "In passato avevamo dalla I alla III categoria, ma ora abbiamo anche indivia rossa e chiconette. Quando si acquistano cassette da 2,5 kg, si possono scegliere tra i cespi da 30 e 60 grammi. Negli ultimi anni, i lotti all'asta sono diventati abbondanti".

Quale esponente della quarta generazione alla guida dell'azienda familiare FV Lesage jen Zoon, con sede in Belgio, Yves Lesage sa tutto sull'indivia e, negli anni, ha acquisito molta familiarità con il mercato. A partire da dicembre scorso, Yves lavora con la Sebrechts, e si occupa dell'acquisto e della vendita di indivia.

"Attualmente c’è una grande fornitura all'asta, in quanto viene acquistata in gran quantità sia all'estero che a livello nazionale", dice. "In inverno, i consumatori preferiscono l'indivia belga tradizionale, coltivata in pieno campo. E' un po' più amarognola, ma anche più costosa. Ma non sempre c'è una differenza netta di prezzo con l'indivia da coltura idroponica".

Casse in EPS e flow-pack
La maggior parte del prodotto viene fornita in casse in EPS (polistirene espanso). Inoltre il grossista fornisce anche formati da esportazione, cassette da 2,5 kg e sacchetti da 1 e 0,5 kg. "Per l'indivia in pieno campo, i supermercati richiedono cestini o flow-pack da 4 o 5 pezzi. I consumatori non solo amano vedere quello che stanno comprando, ma anche che queste sacchetti siano stati progettati in modo tale che la verdura possa sopportare meglio la luce del giorno, per rallentarne l’inverdimento".

Preferenze per regione
I vivai specializzati in questa coltura si possono trovare in Belgio, intorno a Leuven, Kampenhout e Haacht. Dopo che sono state raccolte, le piantine radicate vengono poste in vassoi (per la produzione idroponica) o in suolo sotto tunnel (per quella tradizionale). Nell'oscurità, sviluppano cespi di colore bianco (che sarebbero altrimenti verdi, ove esposte alla luce del sole, per effetto della fotosintesi clorofilliana, NdR).

Ogni regione ha una preferenza diversa per quanto riguarda le dimensioni, secondo Yves. "A Bruxelles preferiscono l'indivia leggermente più piccola, mentre ad Anversa può essere un po' più grande. Dipende dal compratore: i ristoranti vogliono le dimensioni più piccole, così da poterle servire intere".

Anche se abbiamo più familiarità con l'indivia bianca abbinata alle patate o all'insalata, sono possibili anche altri utilizzi. "Ad esempio, ho un cliente che acquista regolarmente qualche centinaio di chili di II e III categoria, per trasformarli in zuppe. Di recente, ho visto una ricetta per la pizza all'indivia: sembrava deliziosa!", sorride Yves.

Per maggiori informazioni:
FV Lesage j en Zoon
Yves Lesage
Email yves.lesage@telenet.be 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto