Avvisi





La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La politica attendista dei melicoltori polacchi si e' ritorta loro contro

La stagione polacca delle mele è quasi terminata e i produttori dovrebbero già prepararsi alla prossima. Per alcuni coltivatori sono risultati evidenti i problemi legati a un raccolto eccezionale, ma dovranno trovare delle soluzioni per il prossimo anno, se vorranno trarre profitto dai loro prodotti.

Molto è stato scritto sulla stagione polacca delle mele e, in generale, su quella europea. Mohamed Marawan, amministratore delegato dell'azienda polacca SaraFruit, specializzata nell'export di questi frutti, aveva previsto alcuni dei problemi che il settore melicolo polacco si è poi trovato realmente ad affrontare

"Abbiamo detto fin dall'inizio che i coltivatori di mele avrebbero dovuto prendersi cura delle mele, cominciando dagli alberi. Le persone hanno ignorato questo consiglio, ma ora non hanno più scelta. Le loro mele sono di qualità inferiore e probabilmente sono ancora stoccate nelle celle refrigerate, sperando in prezzi migliori. Durante questo stesso periodo, altri hanno già venduto tutta la loro merce migliore, a un prezzo più alto di quello che, in questo momento, potrebbero mai raggiungere i coltivatori polacchi".

Marawan non ha condiviso la strategia attendista di molti produttori polacchi: "L'idea che i prezzi delle mele sarebbero migliorati con il tempo, era un'illusione, e ho detto la stessa cosa agli stessi coltivatori. Il problema non sono i prezzi, il vero problema è l’abbondante quantità di mele disponibili. E alla fine cosa è successo? Stanno aprendo le celle refrigerate, non solo con le quotazioni in calo, ma ancora più basse di prima! Questo significa enormi problemi di aumento dei costi, come quelli per l’elettricità e la manodopera. Credo che i coltivatori debbano concentrarsi su varietà più popolari, che garantiscano loro maggiori ritorni, come le Royal Gala o le Golden".

SaraFruit vende la maggior parte dei suoi prodotti in Egitto, ma grazie all'enorme quantità di mele esportate, gli egiziani stanno attualmente rivendendo alcune di quelle mele anche alla Russia: "A causa dell'embargo che da anni grava sugli interscambi tra UE e Russia, i commercianti polacchi non possono esportare. Come avevamo previsto inizialmente, è l'Egitto che si è messo a re-esportare tutte le nostre mele. Questo è il motivo per cui abbiamo detto ai coltivatori: raccogliete le mele e iniziate a selezionarle ora. Dovete venderle velocemente, poiché una volta che la stagione arriverà alla fine di marzo, non avrete più mercato per le vostre mele. I nordafricani avranno abbondanza di frutti propri e l'Europa continuerà ad avere troppa offerta".

Secondo Marawan, è qui che il settore melicolo polacco può davvero crescere. "I coltivatori devono essere istruiti. Non solo hanno bisogno di imparare come prendersi cura dei propri frutteti, aumentando la qualità dei frutti, ma hanno anche bisogno di essere istruiti su quali varietà coltivare e su quali strategie applicare. Una volta che si prenderanno realmente cura dei loro frutteti, otterranno anche i calibri richiesti. Al momento abbiamo calibri tra 60-70 e tra 85-100, ma non quelli di mezzo, che sono proprio quelli più richiesti Un buon esempio è un mio amico che coltiva mele al solo scopo di esportarle in Olanda. Letteralmente tutte le sue mele hanno calibri compresi tra 70 e 85: lui c'è riuscito prendendosi semplicemente cura dei suoi alberi", ha concluso Marawan.

Per maggiori informazioni:
Mohamed Marawan
SaraFruit
Email: office@sarafruit.eu 
Web: www.sarafruit.eu 


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto