Avvisi





La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

In Emilia Romagna per una plv immediata di ulteriori 3 milioni di euro

Mille ettari di castagneto da recuperare

Sono circa mille gli ettari di castagneto che potrebbero essere recuperati in Emilia Romagna, per un potenziale di 600/800 tonnellate di castagne e una produzione lorda vendibile (Plv) di 3,3/3,8 milioni di euro. E' il conteggio effettuato dall'Associazione Consorzi Castanicoltori dell'Appennino Emiliano Romagnolo, presentato la scorsa settimana durante un convegno organizzato a Bologna presso la sede della Regione.

"Abbiamo fatto questo calcolo - ha detto il portavoce dell'Associazione Renzo Panzacchi - basandoci solo sui dati dei territori dei quattro consorzi che fan parte dell'associazione, vale a dire Reggio Emilia, Bologna, Castel del Rio e Parma ovest. Ma potrebbero essere molti di più. Si parla tanto di mancanza di produzione nazionale rispetto alle richieste di mercato, e crediamo che il recupero dei vecchi castagneti sia l'operazione più immediata. Ma servono regolamenti precisi".

La seconda azione da svolgere riguarda il miglioramento delle rese. Dagli attuali 5/8 quintali a ettaro si potrebbe passare a 14/18 attraverso una serie di pratiche. "La prima - ha continuato Panzacchi - è la lotta biologica alle cidie del castagno. Poi occorre difendere meglio la produzione dai funghi che causano il marciume. Infine, occorrono nuove pratiche agronomiche".

Secondo i calcoli dell'Associazione, adottare queste pratiche potrebbe portare, in pochi anni, a un incremento da 1.150 ton a 2000-3000 tonnellate nel territorio dei Consorzi, per un balzo della Plv da 5,5 a  10-15 milioni di euro.  

Poi occorrono nuovi impianti razionali, concepiti come frutteti ad alta densità. Proprio quello che stanno facendo in Cina, Spagna, Portogallo e Turchia. 

"Infine - ha concluso il portavoce - serve un Piano regionale per la castanicoltura che comprenda la trasformazione dei cedui castanili in castagneto da frutto. Le richieste di mercato sono elevate, ma occorre incrementare la produzione, mantenendo elevata la qualità".


Data di pubblicazione :
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto