Ottimo andamento per l'export delle pere statunitensi

I fornitori di pere del Pacifico nord-occidentale stanno usufruendo di abbondanti scorte, in questa stagione, grazie a condizioni meteorologiche ottimali che hanno favorito un abbondante raccolto. Sul mercato interno, alcuni operatori hanno terminato le attività sulla varietà Bartlett all'inizio di febbraio e guardano ora ad altre varietà per i mesi successivi. Quest'anno, in ogni caso, la stagione domestica della Bartlett potrebbe allungarsi più del solito.

"Il raccolto di pere è stato molto abbondante; di conseguenza anche le scorte sono cospicue", ha detto Randy Steensma della Honey Bear Tree Fruit Co. con sede a Washington. "Questo è stato particolarmente vero per le pere Bartlett. Solitamente ci piace terminare la stagione della commercializzazione entro il 1 febbraio, prima di continuare con le Anjou e Bosc. In tutto il settore industriale, ci sono circa 400.000 casse disponibili di pere Bartlett, quindi sembra che potrebbero esserci forniture fino a marzo, quando inizieranno le coltivazioni nell'emisfero australe".

Messico, Canada e Asia: forti mercati per le pere Anjou
Sul mercato delle Anjou, il flusso è stabile, con esportazioni particolarmente sostenute. Steensma ha osservato che, poiché il mercato statunitense generalmente preferisce le pere Bartlett, il movimento sul mercato delle pere Anjou tende, a livello nazionale, a essere più lento. Tuttavia, i produttori del nord-ovest non sembrano preoccuparsi perché le caratteristiche della pera Anjou si prestano bene al mercato delle esportazioni, il che è una fortuna visto che proprio le spedizioni all'estero sono andate benissimo, quest'anno.

"Le vendite delle Anjou sono complessivamente stabili", ha osservato Steensma. "Il Messico e il Canada sono stati mercati molto forti, quest'anno, insieme all'Asia, che è anche molto ricettiva per quanto riguarda le pere rosse. Le Anjou sono forti e viaggiano bene. Quest'anno abbiamo iniziato a vendere pere Anjou verdi e rosse in Israele, dove godiamo di un ottimo mercato, nonostante disti ben 44 giorni di navigazione: uno dei trasporti via mare più lunghi per la frutta. Tuttavia, poiché le Anjou viaggiano mantenendosi molto bene, questo non è stato un problema".

Con le esportazioni così positive, l'azienda cerca di portarle avanti fino a luglio, quando ricomincia la stagione domestica della Bartlett. "Il nostro piano è di portare la pera Anjou - sia verde che rossa - fino a giugno, cioè fino alla nuova stagione delle pere Bartlett dalla California. Per la Bosc, ci piacerebbe invece essere fuori entro aprile, dato che è una buona tempistica, poco prima che arrivi la Bosc dell'emisfero australe".

Uno dei fattori che favorisce le esportazioni è l'insolita situazione dei costi di trasporto negli Stati Uniti. Il commercio tra la costa orientale e occidentale sta diventando difficile, visto che altre regioni diventano più competitive. "Abbiamo la sede a Seattle, vicino al porto, ed è più economico inviare frutta in Asia che a New York, perché il trasporto marittimo è sempre più efficiente mentre i costi del trasporto verso la costa orientale degli States sono alti", ha spiegato Steensma. "Al contrario, per la costa orientale è più conveniente spedire frutta dal Sud America. Una situazione che ha avvantaggiato gli esportatori dell'emisfero meridionale, insieme al cambio di valuta favorevole".

Dimensioni più piccole per le Bosc
Il raccolto di pere in questa stagione è stato davvero abbondante, ma si è notato un maggior numero di pere Bosc di piccoli calibri. Questo è stato un problema, considerate le preferenze del mercato statunitense per i frutti grandi. "In generale, il mercato statunitense preferisce dimensioni maggiori, di 90 e più", ha affermato Steensma. "Quest'anno è stato più difficile, perché abbiamo una quantità di Bosc più piccole ben maggiore di quella di cui abbiamo bisogno, compresi i calibri 110, 120 e 135".

Di conseguenza, l'industria ha cercato di individuare diverse modalità di movimentazione per i frutti più piccoli. "I sacchetti da 2 e 3 libbre sono stati una buona soluzione per movimentare i frutti più piccoli, ad esempio come confezioni dedicate ai bambini che vanno scuole"

Per maggiori informazioni:
Randy Steensma
Honey Bear Tree Fruit Co.
Ph: +1 (509) 663-2625
Email: randy@honeybear-nuchief.com
Web: www.honeybeartreefruit.us


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto