I commercianti tedeschi temono il clima invernale nelle aree di coltivazione spagnole e italiane

Le condizioni climatiche nelle aree di coltivazione un tempo "sicure" in Italia e Spagna stanno diventando sempre più estreme. L'Italia è alle prese con considerevoli nevicate e alcune parti della Spagna devono affrontare il gelo. Anche se si rivelasse solo come un breve periodo di freddo intenso, le conseguenze sono già evidenti nel settore del commercio all'ingrosso. Per quanto riguarda il raccolto attuale, ci sono perdite di qualità e di rese, specialmente per le lattughe a foglia verde, più vulnerabili. I coltivatori e i rivenditori sono preoccupati per il resto del raccolto.

Raccolti attuali e imminenti
In parte, molte lattughe si sono congelate nei campi spagnoli e italiani. Il fatto è che molte devono essere ripulite e gettate via. I cespi sono anche molto più piccoli del solito, ha confermato Enrico Savarese dell'azienda Staiger GmbH di Stoccarda. "Nel caso delle varietà rifiorenti, c'è il problema aggiuntivo che piante intere sono distrutte, motivo per cui non c'è più crescita. Ciò significa che, a simili temperature, difficilmente ci saranno nuove lattughe in circa 3-4 settimane. Quindi non si tratta solo del prodotto finale che si congela, ma anche le produzioni successive vengono distrutte".

Secondo Savarese, non si verificherà un fallimento totale del raccolto, perché i coltivatori possono ripiegare sui prodotti coltivati in tunnel. "Ma quelli richiedono molto più lavoro rispetto agli ortaggi in campo aperto, motivo per cui arriveranno a prezzi più alti. Questa è inevitabilmente la conseguenza".

.

Ulteriori perdite sulle verdure d'importazione
In Spagna, le lattughe iceberg sono particolarmente colpite, mentre in Italia sono principalmente le lattughe colorate (Lollo Rossa e Bionda). Le classiche insalate invernali come le indivie e il radicchio, d'altro canto, stanno un po’ meglio. Ma ci saranno delle perdite anche in questo segmento, se il tempo dovesse rimanere lo stesso.

Questo vale per ortaggi come melanzane, peperoni e pomodori. In alcuni casi, tuttavia, fonti alternative come il Marocco e i prodotti coltivati in serra dei Paesi Bassi e del Belgio potrebbero essere utilizzati per colmare le lacune. "L'anno scorso, anche le zucchine spagnole, ad esempio, hanno osservato un'offerta limitata e aumenti di prezzo estremi" ha ricordato Savarese.

Per maggiori informazioni:
Staiger GmbH
Langwiesenweg 30
70327 Stuttgart
Tel.: +49 0711 48071-0
Fax: +49 0711 48071-99
Email: info@staiger-gmbh.de 
Web: www.staiger-gmbh.de  


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto