Ortofrutta in controtendenza nell'export agroalimentare italiano nel 2018

Mai cosi tanto cibo e vino italiano sono stati consumati sulle tavole mondiali come nel 2018. Le esportazioni agroalimentari Made in Italy nel 2018 hanno infatti raggiunto per la prima volta il valore di 42 miliardi di euro, con un aumento del 3% rispetto al 2017. E' la Coldiretti a tracciare il bilancio dell'anno appena concluso, sulla base delle proiezioni su dati Istat.

Quasi i due terzi delle esportazioni agroalimentari interessano i Paesi dell'Unione Europea, dove il principale partner è la Germania, mentre fuori dai confini comunitari sono gli Stati Uniti il mercato di riferimento dell'italian food.

A spingere la crescita sono i prodotti base della dieta mediterranea. A partire dal vino, che è il prodotto italiano più esportato e fa segnare un aumento del 3% in valore. A seguire l'ortofrutta fresca, che in valore fa segnare però una leggera frenata del 4%. Buone performance vedono protagonisti i salumi, i formaggi, con un incremento del 3% in valore. La pasta aumenta del 2%.

Si tratta di un risultato ottenuto grazie ai primati qualitativi e di sicurezza conquistati dell'agroalimentare nazionale. Come rileva la Coldiretti, il 2018 si chiude con un bilancio di 5056 prodotti tradizionali censiti dalle Regioni, 294 specialità DOP e IGP riconosciute a livello comunitario e 415 vini DOC o DOCG, oltre alla leadership europea nel biologico con oltre 60mila aziende agricole bio, e 40mila aziende agricole impegnate nel custodire semi o piante a rischio di estinzione. L'Italia vanta inoltre il primato della sicurezza alimentare mondiale, con il maggior numero di prodotti agroalimentari con residui chimici regolari (99,4%).

Fonte: FoodWeb


Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto