Sicilia stretta nella morsa del gelo: danni alle produzioni orticole

Parte subito la conta dei danni provocati da neve e gelo in un anno particolarmente funesto, anche per l’agricoltura e l'ortofrutticoltura siciliana, a causa degli eventi meteorologici che hanno interessato l’intero territorio regionale.

Carciofeto nei pressi di Vittoria (RG).

Gelo e neve, nella notte tra il 4 e il 5 gennaio 2019, sono arrivati fino al mare: un evento assolutamente straordinario, anche lungo tutta la fascia meridionale della Sicilia dove si sono registrate temperature anche di -5 °C.

Dopo il recente alluvione, per il quale i danni stimati ammontano a oltre 400 milioni di euro e per fronteggiare i quali si sta attivando il fondo di solidarietà europeo, adesso è la volta di neve e gelate.  

Al momento è troppo presto per una corretta stima dei danni e bisognerà attendere ancora diversi giorni.

Sono già allertati gli uffici e gli ispettorati provinciali, al fine di garantire e tutelare gli interessi degli agricoltori siciliani. E' partito da subito il censimento dei danni per valutarne e verificarne sia la distribuzione geografica sia l’entità, in termini di percentuale sulla produzione lorda vendibile. Successivamente, potranno essere avviate le procedure per la dichiarazione dello stato di calamità.

"Piove sul bagnato - ha dichiarato, all'indomani della gelata, il Comitato Anticrisi Agricoltura Sicilia - in una sola nottata, gli agricoltori hanno sofferto ulteriori danni, con intere produzioni distrutte dalle temperature rigide che, in alcune zone, sono arrivate fino a - 5 gradi. A questi livelli di sottozero, neanche le serre con la tradizionale copertura in film plastico riescono a proteggere le piantagioni di pomodoro e altri ortaggi".

A essere interessate non sono solo le coltivazioni in serra, ma anche quelle in tunnel e in pieno campo. Coltivazioni di carciofi all'aperto sono andate distrutte. Zucchine e pomodori non hanno certamente avuto sorte migliore, specialmente in quelle serre che, prive di ogni forma di impianti antigelo o riscaldamento, sono maggiormente soggette al freddo.

"Non bastavano la crisi dei prezzi e le virosi - ha aggiunto il Comitato presieduto da Angelo Giacchi, Salvatore Di Bona e Giuseppe Zisa -  per gli agricoltori colpiti, questo assomiglia a un vero colpo di grazia".


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto