Avvisi





Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La parola a Patrick Ruffert (MEV)

In linea di principio le varieta' club funzioneranno, ma non dobbiamo confondere il consumatore

"Le varietà club sono diventate parte integrante del mercato delle mele e ogni anno ce ne sono di nuove. Ogni marchio cerca di dare un proprio valore aggiunto al prodotto. Ma i consumatori dovrebbero sempre seguire i loro desideri". Ad affermarlo è Patrick Ruffert, amministratore delegato della Märkische Erzeuger- und Vermarktungsorganisation GmbH (MEV), organizzazione di produttori e commercianti, con sede a Brandeburgo.

Ma soprattutto in anni difficili come questo, dal punto di vista climatico, le varietà club diventeranno un alto valore aggiunto per i produttori. "Vedo un crescente bisogno di varietà club in Germania dell'Est, ma dipende sempre tutto dal concept, in quanto devi davvero avere una buona strategia e una varietà molto buona per uniformare il tuo business". Secondo Raffert, un marchio ben consolidato e accattivante è un incentivo ad acquistare continuativamente. In tempi di digitalizzazione, tuttavia, il flusso di informazioni che arriva ai consumatori a volte è eccessivo.

Al momento, l'azienda si sta concentrando sulla varietà club di mela Evelina®: "Per noi, Evelina® è una mela molto buona da coltivare, può sopportare bene le sfide climatiche e produrre qualità eccezionali, aumentando così i profitti".

"In termini di quantità è un anno positivo, ma i prezzi non sono soddisfacenti"
La raccolta di quest'anno è terminata per tutte le varietà, ma l’opinione di Ruffert contrasta con le considerazioni rispetto allo scorso anno: "L'anno è stato caratterizzato da una primavera umida, un tempo di fioritura ottimale, ma nel complesso purtroppo la mancanza di pioggia è stata una grande sfida. Abbiamo dovuto irrigare più del solito, perché le colture avrebbero sofferto del lungo periodo di siccità".

Le rese sono state abbondanti. "Dopo il gelo del 2017, la quantità di mele raccolte quest'anno è di nuovo ai massimi livelli in tutta la Germania e l'Europa, il che ovviamente si traduce in un abbondante volume disponibile".

A Natale e all'inizio del nuovo anno, Ruffert si aspetta come sempre un aumento della domanda. "Le temperature basse favoriscono le vendite delle mele. Anche la mela è legata al Natale, quindi pensiamo di avere dei buoni riscontri nelle prossime due settimane".

Märkische Erzeuger- und Vermarktungsorganisation (MEV)
L’organizzazione di produttori e commercianti Märkische, con sede a Brandenburg Wesendahl è una fusione di circa 10 produttori degli Stati federali della Sassonia, Sassonia-Anhalt, Turingia e Brandeburgo. Le principali colture sono le mele, seguite da cetriolini, ciliegie, amarene, susine, cavoli rossi, aronia e fragole.

"Certo, la mela ci terrà impegnati tutto l'anno. Abbiamo i nostri magazzini in Brandeburgo, Sassonia e Turingia, con una capacità totale di 20.000 ton. La merce prima o poi passa dalla nostra sede di Wesendahl, a 20 km ad est di Berlino, dove i prodotti vengono confezionati e commercializzati".

Le aziende associate producono non solo ortofrutta, ma anche prodotti industriali per la lavorazione. In questo segmento ci sono innanzitutto i cetrioli, che vengono coltivati da due coltivatori nella Spreewald, e sono in gran parte venduti all'industria del trasformato locale. "Oltre ad amarene, aronia e altri piccoli frutti per l'industria".

Prodotti per l'industria del trasformato
"Nel caso dei prodotti industriali, l'influenza dall'estero è sempre più evidente e nella maggior parte dei casi, i prodotti alimentari trasformati non hanno certificato di origine". A questo proposito, Ruffert spera che la legislatura intervenga. "Vogliamo che i consumatori sappiano che i nostri prodotti ortofrutticoli provengono dalla Germania e siano chiaramente differenziati da quelli che arrivano da altre fonti".

Nel caso dei prodotti industriali, il problema è che i prezzi dei coltivatori all'estero difficilmente subiscono la concorrenza. Le circostanze sono spesso differenti: i salari sono spesso inferiori, come lo sono i costi di produzione. Quindi questi Paesi possono produrre una quantità maggiore di prodotti, e a buon mercato. "Questo potrebbe diventare un problema per noi in futuro, una o più varietà in Germania potrebbero scomparire".

Fruit Logistica 2019
"Siamo presenti a Fruit Logistica di Berlino da molti anni, nella Hall 20, all'interno delle organizzazioni dei produttori tedeschi. Ognuno di noi avrà comunque il suo stand. Vi aspettiamo dal 6 all'8 febbraio 2019 a Berlino, stand A-12".

Per maggiori informazioni:
Patrick Ruffert 
Märkische Erzeuger- und Vermarktungsorganisation GmbH
Dorfstraße 37
D-15345 Altlandsberg OT Wesendahl
Tel.: +49 (0)3341 31954
Email: info@mev-wesendahl.de
Web: www.mev-wesendahl.de


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

x

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto