Trasportounito contro le attese al porto di Napoli

Dopo la vertenza degli autotrasportatori di Salerno contro il divieto di circolazione dei veicoli pesanti su un tratto di autostrada A3, l'autotrasporto campano si sta attivando anche a Napoli, dove denuncia "code di chilometri, tempi di attesa che continuano a crescere, extra costi ormai insopportabili a carico delle aziende di autotrasporto" nel terminal container Conateco, causate da "un'inefficienza ormai cronicizzata ai varchi".

Lo scrive Trasportounito in una nota diffusa il 16 ottobre, che riporta le dichiarazioni del segretario napoletano dell'associazione, Attilio Musella: "Senza efficienza e livelli di funzionalità almeno standard le ambizioni del porto di Napoli di generare opportunità e lavoro sono destinate ad azzerarsi in un collo di bottiglia". Quindi, secondo Trasportounito, "è necessario intervenire sull'organizzazione del terminal, sugli investimenti in attrezzature adeguate, ma anche in una viabilità efficace con l'obiettivo di migliorare il flusso in-out del terminal ma anche di garantire all'autotrasporto cicli di lavoro produttivi e meno stressanti".

Fonte: Trasporto Europa


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto