A cura di Antonino Argentati

Come i motori di ricerca hanno rivoluzionato il modo di fare pubblicita'

Gran parte del traffico sui siti web aziendali arriva direttamente dai motori di ricerca, in generale, e da Google in particolare. Ottenere quindi la giusta visibilità su questi mezzi è di fondamentale importanza per la crescita aziendale.

Prima dell'avvento di Internet e dei motori di ricerca la pubblicità era basata esclusivamente sull'interruzione che avveniva per strada (cartellonistica e volantinaggio), alla radio, sui giornali o in televisione. Si cercava di intercettare l'utente durante le sue attività quotidiane, lo si interrompeva in quello che faceva (se stava guardando la TV, ascoltando la radio o stava semplicemente passando con la sua auto da un incrocio particolarmente affollato) e si cercava di propinargli il messaggio pubblicitario.



I motori di ricerca hanno offerto una nuova e molto più vantaggiosa opportunità: proporre il messaggio pubblicitario all'utente proprio nel momento in cui questo sta cercando il prodotto o servizio che l'azienda intende promuovere.

È una vera rivoluzione. La pubblicità massiva spara nel gruppo, nel tentativo di colpire qualche utente interessato e nel frattempo raggiunge anche molti utenti totalmente disinteressati, facendo lievitare i costi promozionali. Il posizionamento organico sui motori di ricerca consente la visibilità solo quando qualcuno mostra interesse per il prodotto/servizio da reclamizzare, a costi assolutamente non paragonabili a quelli della pubblicità tradizionale.

L'utente sta cercando la ricetta di una torta con le mele? Ecco che viene fuori il sito dell'azienda che produce e vende mele. Sta cercando un vino specifico? Il motore di ricerca restituisce tutte le pagine delle aziende che vendono quel vino.



Il posizionamento sui motori di ricerca lo si può effettuare in due modi: organico (detto anche gratuito) o PPC (Pay Per Click, ovvero a pagamento mediante strumenti quali Google AdWords, di cui parleremo in un prossimo articolo).

Il posizionamento organico è appunto gratuito in quanto le aziende non pagano per ottenerlo. Chiaramente, in questo caso, è necessario affrontare delle spese per ottimizzare il sito web e realizzare contenuti che possano facilmente essere indicizzati dai motori di ricerca.

L'impegno economico, come detto assolutamente non paragonabile con i costi di una pubblicità tradizionale, porta risultati vantaggiosi nel medio e lungo termine, garantendo all'azienda un'enorme visibilità con centinaia o migliaia di parole chiave relative al proprio settore (cfr. FreshPlaza del 19/09/2016).


Clicca qui per un ingrandimento dell'immagine.

È fondamentale, pertanto, che tale posizionamento garantisca visibilità in prima pagina e possibilmente nelle primissime posizioni. L'immagine che segue riporta una mappa termica relativa alle attenzioni dell'utente davanti ad una pagina di Google. Le zone rosse sono le parti più visualizzate. L'83% degli utenti guarda i primissimi risultati di ricerca e il 76% dei clic riguardano i primi 4 risultati. Percentuali irrilevanti (meno dell'1%) vanno oltre la prima pagina.

----
Il dott. Antonino Argentati sin dal 1995 gestisce la presenza online di numerose aziende italiane e straniere appartenenti a vari settori, compreso quello agroalimentare. Oggi, raggiunto un elevato grado di specializzazione, si occupa con successo di e-commerce, SEO (Posizionamento sui motori di ricerca), SEM (Marketing sui motori di ricerca), campagne promozionali online su Social Networks, usabilità ed accessibilità dei siti web, viral marketing e mail marketing.

Ha fondato una Web & Graphic Agency che gestisce la comunicazione online di imprese ed enti; viene frequentemente chiamato a relazionare, in qualità di docente e consulente, in numerosi seminari rivolti a tecnici ed imprenditori. Tra le varie attività ha creato e gestisce PitturiAmo – il portale dei pittori contemporanei – una community di artisti in espansione in tutto il mondo.

Per informazioni e contatti:
Tel.: 338 9687800
Email: info@argentati.eu
Web: www.clicsnc.it

Leggi anche:
1. Siti web di qualita': come trarre il maggior vantaggio dalla propria presenza online
2. Dal web 1.0 al web 3.0: come si e' evoluta la rete e come sono cresciute le esigenze dell'utente online
3. La Long Tail: perche' e' importante conoscere la coda lunga delle parole chiave

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto