Il parere di Alessandro Amadei (Elisam)

Qualita' interna: ha senso se il mercato e' in grado di valorizzarla

"Negli ultimi anni c'è stata una vera e propria esplosione di richieste di valutazione della qualità interna di frutta e verdura, ma i prodotti per cui è più diffusa sono cipolle e mele. Ciò probabilmente perché per questi prodotti davvero la qualità interna permette di discriminare tra prima scelta e seconda. Per entrambi infatti l'analisi è focalizzata nel ricercare i prodotti con parti deteriorate all'interno che ne comprometterebbero completamente il consumo per il cliente finale. Oltretutto in questi casi non c'è davvero alcun modo di effettuare una selezione manuale per questo tipo di difetti perché sono pressoché irriconoscibili dall'esterno".



Così a FreshPlaza Alessandro Amadei, Electronic area manager per Elisam, azienda italiana che insieme all'olandese Ellips ha sviluppato un dispositivo per la qualità interna, basato sulla migliore tecnologia e sull'analisi della luce rifratta attraverso il frutto. Uno spot di luce nota irradia ogni prodotto e lo attraversa; l'analisi della luce di rifrazione permette di determinare le proprietà interne del frutto. Con questo modulo rivoluzionario è possibile ridurre drasticamente i difetti e problemi nel processo di smistamento e rilevare quelli altrimenti impossibili da identificare. I parametri misurati possono essere il marcio, il brix, la sostanza secca, l'acidità e la maturazione.

Secondo Amadei, in generale non esistono caratteristiche non rilevabili in merito alle qualità intrinseche dei prodotti: con varie tipologie di strumentazione e tecniche è possibile ricavare le informazioni che si vanno ricercando. Gli elementi reali che devono essere presi in considerazione per capire se la qualità interna (QI) è utile per un certo scopo sono: l'accuratezza della misurazione e il costo dell'impianto.



"In generale, per ogni tipo di frutta o verdura, tutti sono molto interessati a conoscerne tutte le varie caratteristiche interne, quali grado zuccherino, acidità, sostanza secca, quantità d'acqua - continua Amadei - Il vero problema è che questa tecnologia ha ancora dei costi elevati e pochi poi sono disposti a spendere per acquistarla. Non credo esistano problemi irrisolvibili, è solo una questione di investimenti da fare per affinare una tecnologia o adattarla e applicarla in un ambito differente".



Il mercato è pronto per questo tipo di sistemi di selezione?
"In alcuni ambiti sì come mele, cipolle e datteri. In generale il mercato è pronto (ovviamente) dove l'elemento QI fa la differenza sui prezzi di vendita e sulla qualità del prodotto finale. Bisogna capire che l'analisi della qualità interna ha sempre un senso quando il mercato è in grado di apprezzare, e pagare, per il lavoro fatto. Altrimenti sono solo chiacchiere".

Supermercati: quali le caratteristiche principali richieste?
"E' facile: prezzi bassissimi e qualità eccellente. E' proprio questo il motivo per cui tanti magazzini della frutta si stanno guardando intorno alla ricerca di nuove tecnologie, per poter migliorare la qualità dei prodotti e ridurre i costi. Questo è quello che noi proponiamo ai nostri clienti: non una spesa ma un investimento che permette di aumentare i profitti fornendo un'alta qualità del prodotto finito. Da nostre analisi fatte con alcuni dei nostri clienti, è stato dimostrato che l'investimento sui nostri impianti in alcuni casi si è ripagato in meno di un anno grazie all'incremento dei profitti che ha generato. Credo che sia un risultato eccezionale e che davvero parla da solo".



La tecnologia della QI permette di scartare solo quello che davvero è scarto con un grado di accuratezza che, per alcuni prodotti, supera il 95%. In precedenza la selezione manuale portava a una precisione attorno al 60-65%. Direi che questi numeri esprimono chiaramente l'enorme passo in avanti che siamo riusciti a compiere".

Parlando dei principi su cui Elisam basa la costruzione dei propri impianti, Amadei sostiene: "Utilizziamo sempre materiali e componentistica di prima qualità per garantire affidabilità dell'impianto, facciamo attenzione ai dettagli e alle esigenze del cliente, forniamo un after sale service di alta qualità per essere sempre pronti ad intervenire in caso di necessità. Infine, offriamo un continuo miglioramento e sviluppo delle tecnologie per offrire sempre il miglior impianto possibile".

"Non ci siamo mai voluti porre sul mercato facendo la guerra dei prezzi - precisa Amadei - cerchiamo sempre di offrire la miglior tecnologia ai nostri clienti. Questo ha ovviamente un costo che può essere più elevato rispetto ad altri. Sto parlando in realtà dell'investimento iniziale, perché poi la qualità dei nostri impianti si ripaga rapidamente e ampiamente in termini di affidabilità, nessun costo aggiuntivo, qualità dei risultati sul prodotto finito".

In merito ai vari mercati mondiali, Amadei riferisce che nel mercato americano si parla sempre di quantitativi enormi di prodotto: migliaia e migliaia di tonnellate. Questo porta a investire più facilmente perché anche il minimo risparmio si ripercuote in milioni di dollari sul totale. Altro elemento particolare è che il cliente americano non guarda troppo al prezzo ma pretende, e sottolineo pretende, che il sistema soddisfi le aspettative, altrimenti non ci pensa un attimo a rispedirlo al mittente".

Contatti:
Alessandro Amadei - Electronic area manager
Elisam Srl
via Emilia Levante 3510
47020 Budrio di Longiano (FC) - Italy
Tel.: +39 0547 59257
Fax: +39 0547 57496
Email: info@elisamgrading.com
Web: www.elisamgrading.com

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto