Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Intervento di Alex van Ieperen dell'azienda olandese Direct Fruit Services

Ogni anno aumenta la richiesta di pere mature

Dopo molti anni di esperienza nel commercio ortofrutticolo Alex van Ieperen dà inizio alla sua attività: Direct Fruit Services (DFS). Dal suo ufficio sopra il magazzino refrigerato di Houten, si guarda indietro cinque anni dopo. "Ogni anno abbiamo sperimentato una crescita sana ed è questa la crescita controllata che vogliamo portare avanti nei prossimi anni. Per raggiungere un ulteriore aumento delle vendite, abbiamo investito in risorse umane per le attività di commercio, qualità e back-office".

Alex sostiene: "Qui da DFS abbiamo costi fissi bassi. Anche se il prossimo anno continueremo a investire nel campo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) e nell'ulteriore automazione dei nostri processi al fine di minimizzare ulteriormente i costi". Come tendenza, Alex vede in alcuni paesi europei una grande crescita per la categoria dei prodotti già maturi. "Inoltre, notiamo anche un aumento delle vendite di imballaggi pratici. Dovremo fare competere meglio un buon prodotto standard, con prodotti di tendenza nello scomparto del fresco, come ad esempio avocado e mirtilli, questo per essere innovativi in ​​tutta la catena".


Alex van Ieperen e Niels Krijnen

"La nostra forza è che siamo l'anello che congiunge il coltivatore al rivenditore e viceversa. Un esempio è che abbiamo messo immediatamente al corrente dei problemi legati al gelo. Già da maggio abbiamo cominciato a informare i clienti. Questo non possiamo farlo da soli, ma abbiamo bisogno del contributo dei coltivatori".

"Sono convinto che ci sia spazio per i player specializzati nella vendita di pomacee. Negli ultimi anni, la scala dei produttori è aumentata notevolmente, una tendenza che si era già verificata molto prima tra gli acquirenti. Per offrire valore aggiunto è necessario essere specializzati. Tuttavia, il rinnovamento sugli scaffali è rimasto indietro - afferma il direttore di DFS - Al momento si nota che molte persone sono alla ricerca di qualcosa di nuovo. Perciò tutti cercano una buona pera rossa o sfumata di rosso. Il potenziale è enorme per avere successo in una catena chiusa. Un supermercato avrebbe pertanto qualcosa di unico sugli scaffali e per un coltivatore rappresenterebbe la possibilità di realizzare coprire i costi con un profitto. Ci piacerebbe prender parte a una catena del genere".

Nessuna parità di condizioni
Secondo Alex un punto di cui preoccuparsi è lo spreco, che è ancora molto elevato nei canali di vendita tradizionali. "Inoltre, in Europa la struttura dei costi non è in equilibrio. Non c'è parità di condizioni in molte zone. I coltivatori nei Paesi Bassi e Belgio hanno cercato di trovare una soluzione aumentando la produzione, ma per tenere il passo della concorrenza con i Paesi a basso salario sarà necessaria un'ulteriore automazione per mantenere i costi sotto controllo. Fin dall'inizio lavoriamo con i centri di confezionamento specializzati nel confezionamento dei nostri frutti".

Guardando avanti alla seconda parte della stagione di commercializzazione, Alex osserva che i coltivatori dotati di una buona scorta dovranno monitorare la qualità per determinare il giusto momento di commercializzazione e fare accordi chiari con parti di vendita. "Temo che tale momento di commercializzazione possa essere più vicino di quanto si potrebbe pensare. Ciò vale sia per le mele che per le pere. Inoltre, l'anno scorso, molti coltivatori e anche commercianti si sono ritrovati spiazzati perché alla fine della stagione erano previste grandi carenze. Ci aspettiamo una collaborazione completa per ottenere un massimo ritorno sui prodotti olandesi e belgi. Avere una sintonia del genere sarebbe molte volte meglio".



Pere mature
Alex ha osservato anche che la domanda per le pere mature aumenta ogni anno. "Notiamo questo per esempio nel Regno Unito, dove il consumo globale è in declino come in altri paesi d'Europa, ma la richiesta di prodotti pronti al consumo è in aumento. La generazione più giovane adotta un altro modello di una spesa e di aspettative rispetto a quello che i consumatori tradizionali avevano in passato. Non acquistano pere in quantità per metterle nel cesto della frutta, ma si concedono quando vogliono una pera deliziosa. Ci vedo grandi opportunità per il nostro settore, ma anche qualcosa di cui DFS può approfittare".

Il Regno Unito è un mercato importante per DFS. "In materia di mele gli inglesi stanno diventando sempre più autosufficienti, ma pere le pere succede in misura minore. Si può notare comunque che sempre più coltivatori professionisti riescono a conservare la loro frutta fino ad aprile/maggio, una cosa piuttosto inusuale per gli inglesi".

Alex continua definendo un pessimo sviluppo l'imminente uscita dall'UE del Regno Unito, sia per gli esportatori nell'UE che per gli stessi inglesi. "Qualsiasi accordo ne deriverà, si dovranno comunque negoziare altri accordi e questi saranno sempre sfavorevoli a meno che non si tratterà di qualcosa che si avvicini a un accordo di libero scambio. Gli inglesi avranno comunque bisogno di importare frutta nei prossimi anni, quindi non credo che saranno messe in discussione le esportazioni, tuttavia, se l'onere amministrativo arriverà a costare anche solo 1 centesimo al kg, sarà un accordo molto costoso".

DFS si occupa anche di export in Cina. "Anche questo è un mercato con un potenziale enorme, anche se non credo che raggiungerà rapidamente i volumi richiesti da, per esempio, il Regno Unito. In ogni caso, in questa stagione sembra che sarà una sfida soddisfare i requisiti qualitativi del paese - conclude Alex - Notiamo anche una crescente domanda per la frutta secca biologica in tutta Europa, principalmente in Scandinavia. Questa coltivazione non è facile, ma i clienti ce la richiedono, quindi abbiamo cominciato con un volume limitato. Nel complesso le opportunità per i prossimi anni sono abbastanza! Attendiamo con impazienza il futuro insieme ai nostri coltivatori e ai nostri centri di smistamento".

Per maggiori informazioni:
Direct Fruit Services BV
Lichtschip 49
3991 CP Houten
Tel.: +31 (0)30 3031400
Fax: +31 (0)30 3031399
Email: aieperen@directfruitservices.nl
Web: www.directfruitservices.nl

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto