Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La DBU sostiene il progetto insieme a 3Win e l’Università di Hohenheim

Germania: 300mila euro per la protezione mirata contro la drosophila suzukii

Se infesta un'area, la drosophila suzukii può minacciare tutto il raccolto e rendere la vita difficile ad agricoltori e produttori di vino. La mosca, importata dall'Asia, si sta diffondendo regolarmente in Germania a causa dei cambiamenti climatici. Sino ad oggi non si è riusciti a combatterla nel rispetto dell'ambiente. Gli agenti esistenti sono inefficaci o uccidono molti altri insetti. Concentrandosi su una combinazione di luce e profumi, 3win Maschinenbau, sta attualmente lavorando, con ricercatori dell'Università di Hohenheim, nello sviluppo di una trappola speciale che attiri e uccida queste mosche.

La Federal Environmental Foundation (DBU) tedesca sostiene questo progetto tecnicamente e finanziariamente, con circa 300mila euro. "Stiamo proteggendo in particolare gli stock di frutta e i ceppi di vite da questa specie immigrate, mentre allo stesso tempo proteggiamo altri insetti, contribuendo così alla conservazione della biodiversità, e aiutiamo i produttori colpiti". Ad affermarlo il vice segretario generale della DBU, Werner Wahmhoff.

Rispetto per l'ambiente significa uccidere la drosophila suzukii senza bycatch
Gli approcci precedenti per combattere il parassita non sono risultati soddisfacenti, concorda l'esperto della DBU, Dr. Holger Wurl. Gli agrofarmaci convenzionali non hanno avuto l'effetto desiderato e le mosche hanno continuato a deporre le uova nel frutto maturo. Un controllo efficace delle specie immigrate, tuttavia, mette a rischio anche insetti utili come le api, il che significa una minore biodiversità. Le trappole precedentemente utilizzate erano solo per l'osservazione. Le catture di massa sono considerate troppo costose.

Per combattere la drosophila suzukii e proteggere altri insetti, 3win Maschinenbau e l'Università di Hohenheim stanno progettando una trappola ecologica per combattere il parassita. Con l'aiuto della luce e dei profumi, gli animali sono intenzionalmente attirati nella trappola, dove vengono uccisi da piccole scosse elettriche.

Si profilano enormi perdite nelle colture
La globalizzazione e il cambiamento climatico significano che i parassiti provenienti da altre parti del mondo potrebbero anche diventare autoctoni, secondo Wurl. La drosophila suzukii proveniente dall'Asia, dal 2009 terrorizza i produttori di vino e i coltivatori tedeschi: l'alto tasso di proliferazione e la preferenza per diversi tipi di frutti, la renderebbero uno dei parassiti più pericolosi in Europa.

Nel 2014, in Germania, ci sono state enormi perdite nel raccolto, solo a Mittelbaden sono andati persi 3 milioni di euro. "I produttori di frutta e uve stanno già cambiando le loro abitudini nelle colture a causa di questa mosca: nell'Europa meridionale non si coltivano più i lamponi autunnali, in via di estinzione" ha dichiarato l'amministratore delegato di 3win Maschinenbau, Dagmar Wirtz.

Gli agricoltori, i consumatori e la natura stessa, tutti ne beneficiano
Il progetto includerà diverse aziende agricole che sono aree di prova. Il loro coinvolgimento attivo dimostra che lo sviluppo di una trappola per mosche è della massima importanza per coloro che ne vengono colpiti, secondo Wahmhoff. Inoltre, lo sviluppo di un sistema rispettoso dell'ambiente rientra nell'obiettivo di utilizzare metodi di coltivazione sostenibili. Ma non sono solo i produttori di frutta e vino a trarne beneficio; se i test verranno completati con successo, i consumatori saranno comunque in grado di gustare cibi non trattati con agrofarmaci, e inoltre ci sarà più biodiversità.

Wahmhoff ha concluso: "Con progetti come questi vogliamo aiutare a proteggere il nostro suolo, la biodiversità e la qualità delle acque e vogliamo garantire prospettive future per la frutticoltura commerciale. Questo è come cerchiamo di garantire che le generazioni future possano ancora vivere in un ecosistema intatto".

Per maggiori informazioni:
Dagmar Wirtz
Tel: +49 (0)241 9432330
Web: www.dbu.de

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto