Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Poggiorosso Siciliano Biologico: ampi spazi di mercato per i trasformati di agrumi pigmentati

"Nasciamo come produttori di arance Tarocco e appassionati di agricoltura biologica. Ed è proprio dal Tarocco, re degli agrumi siciliani, il nostro prodotto di punta, con il quale inizia tutta la nostra storia aziendale". E' quanto dichiara a FreshPlaza Concetta Mineo titolare dell'Azienda Agricola Poggiorosso Siciliano Biologico.

"Siamo consapevoli che le piccole aziende, per crescere, devono essere multifunzionali: per questo abbiamo deciso di diversificare e di immettere sul mercato trasformati di arancia, di limoni e mandarini. Successivamente, per chiudere la filiera abbiamo pensato a una linea di ortaggi".


Concetta Mineo dell'Azienda Agricola Biologica "Poggio Rosso Siciliano Biologico"

"La passione per l'agricoltura - racconta l'imprenditrice – è qualcosa che nasce insieme all'amore per la natura e dal senso di appartenenza verso il proprio territorio. Sono convinta che, in ognuno di noi, ci sia un piccolo contadino e, del resto, tutti noi una volta lo eravamo. Coltivare le 3000 piante del mio agrumeto è come tornare alle origini".

"La nostra storia nasce e si sviluppa alle pendici sud-occidentali dell'Etna, a Paternò (CT). Da un lato l'Etna, e dall'altro lato il fiume Simeto: entrambi rendono la terra fertile e vocata soprattutto alla produzione di agrumi, che acquistano eccellenti qualità organolettiche".



Concetta Mineo e la sua famiglia producono e trasformano marmellate biologiche di agrumi siciliani in una varietà di combinazioni ispirate alle tradizioni contadine locali. Arricchiscono la linea tre referenze dolci: la marmellata di Arancia Tarocco e miele, la marmellata di mandarini e miele e la marmellata di limone e miele.


Segue la linea di trasformati salata con tre ricette rivisitate: abbinamenti di ortaggi e spezie nei gusti di peperone rosso, zucca d'inverno e pepe nero, cipolla dorata e peperoncino rosso. Tutti i prodotti usati vengono raccolti dalla pianta nel momento ottimale cioè quando, per colore e sapore, si prestano al meglio per la trasformazione.



"I nostri prodotti, oltre al valore aggiunto della certificazione biologica e GlobalGAP sono davvero squisiti non solo perché seguiamo l'intera filiera - sottolinea Concetta - ma anche perché, essendo una realtà artigianale, costantemente abbiamo riscontri oggettivi sull'indice di gradimento da parte del consumatore".

"Sicuramente il mercato del trasformato è di gran lunga più complesso rispetto alla commercializzazione del fresco, data la moltitudine di offerte di prodotti simili, dove la differenza non la fa solo la qualità, ma anche il prezzo. Noi produttori di materia prima bio ne risentiamo di più, perché i nostri prodotti hanno costi più elevati. Il biologico puro è un settore virtuoso che, parallelamente alla produzione di prodotti genuini, si prende cura dell'ambiente e del territorio, senza utilizzare concimi o agrofarmaci chimici di sintesi".



L'azienda si avvale di tecniche agronomiche che prevedono tutte le pratiche richieste dal disciplinare delle produzioni in regime biologico; tuttavia per migliorare ulteriormente il prodotto, nel ciclo di coltivazione vengono impiegate sostanze a sostegno dell'apparato radicale della pianta e principalmente particolari funghi saprofiti, conosciuti come Micorrize (dal greco: fungo e radice, trattasi di strutture costituite dall'unione simbiotica tra funghi del terreno e radici non lignificate delle piante, ndr). I risultati ottenuti sono eccellenti, e riguardano sia la salute e resistenza della pianta, sia la qualità finale del prodotto.



"Al momento, per la lavorazione di conserve e marmellate ci avvaliamo di un laboratorio certificato biologico: si tratta di una scelta aziendale comprensibile dal punto di vista dell'ammortamento dei costi di produzione tra linee di lavorazione bio, strutture, immobili e impiego di risorse umane. I canali di commercializzazione sono le fiere di settore, gli specializzati, i mercati bio e horeca: si tratta di un settore di nicchia, tant'è che non siamo presenti sugli scaffali della grande distribuzione".



"Il mercato di riferimento per il trasformato è l'Italia. Non abbiamo la pretesa di conquistare grandi quote commerciali, né la volontà di farlo: non solo per le limitate quantità disponibili, ma anche per continuare a garantire un prodotto di alta qualità, autenticamente biologico e lontano dalle logiche dei prodotti industriali. Piccole quote di mercato estero si stanno aprendo con l'Estonia per quanto riguarda la vendita di arance e limoni freschi, provenienti dai circa 8 ettari di agrumeti di proprietà".



Tante le attività e i progetti futuri: "Al momento - conclude l'imprenditrice - sto cominciando a impostare un grande lavoro di comunicazione, con una ricca agenda di appuntamenti programmati per il 2018, supportata dalla consulenza preziosa di uno specialista che mi aiuterà a proporre i miei prodotti nei migliori segmenti di mercato nazionali ed esteri. Ritengo sia investimento necessario per le aziende che vogliono crescere e rimanere competitive, organizzate e attente all'andamento dei mercati".

Contatti:

Poggiorosso Siciliano Biologico


Viale Don L. Orione 3/D

95047 Paternò (CT) - Italy
Cell.: (+39) 333 3297164
Email: info@agribiopoggiorosso.com
Web: www.agribiopoggiorosso.com

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto