Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Quasi tutte le catene iberiche offrono piccoli frutti per l'intera durata dell'anno

Transizione agevole dai lamponi dell'Europa settentrionale a quelli spagnoli

A Huelva la campagna dei lamponi è cominciata a fine settembre con quantitativi limitati. "Abbiamo iniziato circa tre settimane in anticipo rispetto allo scorso anno. Abbiamo piantato prima per ridurre le lacune della produzione verificatisi sul mercato nel corso della scorsa stagione. Ad oggi, sebbene ci siano Paesi terzi ancora produttivi, la transizione dalla stagione dell'Europa centro-settentrionale a quella dell'Europa meridionale sta procedendo senza intoppi, con un'offerta molto stabile. Settimana dopo settimana la disponibilità di lamponi prodotti a Huelva sarà sempre maggiore". A spiegarlo Carlos Esteve, responsabile marketing della Onubafruit.


Onubafruit prevede di produrre volumi maggiori rispetto all'ultima stagione: 10.000 tonnellate circa. Al momento la cooperativa sta commercializzando le sue varietà più esclusive e rifiorenti, Imala e Kiweli, e più avanti, a metà febbraio, comincerà anche la raccolta delle varietà Lagorai e Vajolet. Quest'ultima ha conquistato terreno rispetto alla cultivar libera Glen Lyon, che costituisce solo il 12% della produzione, mentre circa 7 anni fa ne costituiva il 70%.

"La Glen Lyon è sempre stata una varietà facile da produrre in un periodo in cui è complicato farlo, ma ci aspettiamo che le cultivar esclusive rappresenteranno in futuro il 100% della nostra produzione nel breve come nel lungo periodo".



Sebbene i mercati principali di Onubafruit siano fuori dalla Spagna, nel resto dell'Europa e nei Paesi Nordici, il mercato spagnolo sta anch'esso iniziando a sensibilizzarsi al consumo di piccoli frutti. "Nonostante i volumi non possano essere paragonati a quelli prodotti in altri Paesi dell'Europa settentrionale, adesso praticamente tutte le catene di distribuzione spagnole possono offrire una gamma completa di piccoli frutti per l'intera durata dell'anno" ha concluso Carlos Esteve.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto