La produzione di more offre grandi opportunita' ai produttori serbi

Dopo losmembramento della Jugoslavia, la produzione di uve innestate nella regione cheora è la Serbia, nel 2003 è scesa da 45 a 10 milioni. Negli ultimi anni, laproduzione è aumentata di nuovo, ma attualmente si stanno facendo spazio anchenuovi prodotti come i piccoli frutti, sempre più richiesti fra i produttori per ilbreve periodo di raccolta, i buoni ricavi e la piccola quantità di pesticidinecessari per la loro maturazione.

A partire dal 1995, con soli 2 ettari, la Aleksandar International ha innestatopiante da frutto per i coltivatori serbi e ha trasmesso le esperienzeacquisite di generazione in generazione. Sin dall'inizio dell'attività, lasuperficie dei vivaisti è cresciuta da 2 a 100 ettari. Oltre a fornire piante,l'azienda fornisce anche lavoro di recisione, innesti con paraffina eimballaggio specifico per i diversi mercati.



"Abbiamo iniziato a incrementare la nostra produzionedi piantine di more, lamponi, uva spina, ribes e mirtilli -ha dichiaratoil presidente Aleksandar Jovanovic - Circa 7.000 ettari di produzione sono dedicati a more in Serbia, la maggior parte delle quali di varietà più datate come Cacanska e Torn Free, utilizzateprincipalmente per l'industria di trasformazione. Tuttavia, sempre piùcoltivatori stanno facendo il passaggio ad altre cultivar perché ilmargine di profitto è molto più alto rispetto ai piccoli frutti lavorati".

Il lampone è la bacca più comune, ma la domanda sta salendo anche per le more;l'azienda ha assistito a un notevole aumento di piante di mora inviate alla clientela di Germania, Italia, Turchia e Russia. Le varietà più esportate sono Loch Ness, Chester e Triple Crown, vendute come fresche nei mercatilocali.

"La LochNess risulta la cultivar migliore, per la lunga durata, le grandi dimensioni (mediamente circa 6,5 grammi) ela tenuta del colore. Per quanto concerne la crescita, si raccomanda di piantarla a circa 200-500 metri sul livello del mare. I produttori serbi hanno ricevuto unbuon prezzo per questa varietà, circa 3 euro per chilogrammo, quando l'hannoesportata sul mercato russo" ha dichiarato Aleksandar.

"Ci sono molti vantaggi nel coltivare piccoli frutti in quanto sono più facili da produrre rispetto agli alberida frutto, che devono essere innestati; le piantine danno frutti entro il primoanno e dal secondo sono in piena produzione. Il 99% delle vecchie piantagionidi piccoli frutti in Serbia sono in campo aperto, ma abbiamo visto che altri produttoriserbi hanno iniziato a coltivarle anche in serra".

Per maggiori informazioni:
Aleksandar Jovanovic
Aleksandar International
Tel.: +381628644725
Email: info@aleksandarinternational.com
Web: www.aleksandarinternational.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto