Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Ucraina: nuova piattaforma ortofrutticola per i produttori di verdure in serra

Ci sono voluti poco più di quattro mesi per ricostruire un'impresa di trasporto di epoca sovietica e inserirla in una prima fase di centro logistico, capace di ricevere e processare fino a 80 tonnellate di verdure al giorno. L'impianto permette a piccoli e medi produttori serricoli di portare le loro verdure per essere selezionate, confezionate, pallettizzate e, soprattutto, raffreddate rapidamente fino a 5 °C per preservarne la qualità richiesta dal mercato (quello d'export in particolare), estendere la conservabilità e trasportare frutta e verdura fresca senza perdite.



La prima piattaforma di frutta e verdura per la regione di Zaporizhia, in Ucraina, è stata lanciata lo scorso 22 settembre. Il nuovo impianto è stato costruito e attrezzato dall'imprenditore privato Andrii Chornyi, con il supporto finanziario del Progetto di sviluppo del commercio orticolo dell'Ucraina (UHBDP). L'UHBDP è stato implementato in Ucraina nel 2014, finanziato da Global Affairs Canada e co-finanziato e implementato da Mennonite Economic Development Associates (MEDA).



Secondo i dati ufficiali, si stima che nelle serre in plastica nella regione di Zaporizhia si producano circa 500mila ton di verdure (prevalentemente pomodori e cetrioli) su 2.000 ettari.



Sergii Potapov, value chain manager per il progetto, ha affermato: "Il nostro progetto UHBDP è stato sviluppato per supportare proprio tali imprese e il loro accesso a mercati con valore aggiunto".



Erano tempi facili quando si commercializzava con la Russia

Prima dell'embargo russo nel 2014, il mercato russo era la destinazione principale della fornitura di verdure coltivate in serra della regione di Zaporizhia in Ucraina. Il 33-36% circa della produzione totale (tutta di classe A) veniva diretto sul mercato russo in imballaggi semplici, a volte persino in cartoni di banane.



Le merci restanti, il 60% circa, venivano vendute sul mercato domestico, principalmente nelle regioni di Donetsk e Lugansk e nella Repubblica Autonoma della Crimea. La guerra in tali regioni creò una nuova sfida per i medio-piccoli agricoltori non solo nella regione di Kamenka-Dnieper, ma in tutte le regioni dell'Ucraina meridionale.

"Oggi la Bielorussia, che viene vista come porta della Russia (nonostante l'embargo), resta il maggior mercato di esportazione dei pomodori e cetrioli ucraini. E' difficile dire quanti pomodori, cetrioli e peperoni hanno lasciato il Paese in questa stagione - ha dichiarato Sergii - ma gli esperti locali stimano un volume di 50-60.000 ton".



I commercianti hanno tentato di aumentare le esportazioni verso Stati Baltici, Polonia, Romania e Mondavia, ma sono stati glissati dai fornitori europei "regolari" dopo alcuni problemi di qualità (tra cui un cartone con tracce di colla). Tuttavia, alcune spedizioni sono state inviate in Polonia la primavera scorsa durante la Pasqua della Chiesa Ortodossa.



"La parte restante del volume di produzione sarà venduta sul mercato domestico - ha continuato Sergii - Tuttavia, non disponiamo delle statistiche relative alle quantità totali di questa stagione. Le destinazioni a cui, quest'anno, abbiamo inviato le nostre verdure sono state largamente influenzate dalle situazioni climatiche nel Paese; basti pensare alle gelate tardive di aprile e al clima estremamente caldo di luglio e agosto".



"Il progetto di Andrii è un'opportunità per cambiare l'attuale asse di destinazione dell'export, passando da Russia e altri ex Paesi sovietici a nuovi mercati europei. Andrii ha la passione per ciò che viene interessato o meno dalla guerra dei prezzi in termini di materie prime perché ritiene che sia importante avere una visione d'insieme e ottenere un profitto sul lungo termine in futuro, invece di un fatturato rapido".

Per maggiori informazioni:
Andrii Chornyi
Ahrokoin
Tel: +380973690724
Email: silovka.ua@gmail.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto