Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cipolla bianca, qualcosa si muove. Disastro per la dorata

Un importante operatore del settore cipolle, che opera nel centro-nord d'Italia, afferma che nel comparto cipolla bianca qualcosa si muove e i prezzi non sono più così bassi come qualche settimana fa. Però è fuori di dubbio che le celle sono ancora piene di prodotto.



"La qualità del raccolto 2017 non è delle migliori - spiega l'esperto - in quanto il caldo estivo ha lasciato conseguenze negative. Ho dovuto buttare diverse centinaia di chili di prodotto perché si è letteralmente disfatto nei cassoni a causa degli stress termici. La cipolla bianca ha avuto rese alte per ettaro, e talvolta anche con calibri molto grossi. E' paradossale, ma ho avuto richieste dagli Emirati arabi per cipolle medio piccole e di alta qualità, ma quest'anno è particolarmente difficile garantire tenuta e qualità per le cipolle, tanto meno disponevo con continuità dei calibri richiesti. Per questo ho rinunciato alla vendita".



Ma se per la bianca qualcosa si è mosso, per la cipolla dorata è ancora un disastro: "I prezzi sono stracciati, anche peggio del 2016. Ad alcuni agricoltori ho dovuto dire di lasciare i bulbi in campo, perché altrimenti ci avrebbero rimesso. E' brutto dirlo, ma è la realtà. La cipolla frigo-conservata viene offerta a 10 centesimi. La causa? Produzione elevata ovunque, con forti scorte".



Tornando alla bianca, l'operatore dice che i prezzi possono aggirarsi attorno ai 25 centesimi. Non è una cifra sorprendente ma neppure da disdegnare, specie in questi frangenti. Però deve essere di buona qualità e deve essere bianca e non verde o di chissà quali altri colori. "Con l'andamento meteo dell'estate 2017 non sempre si riesce a garantire il giusto colore".

Rimanendo nella grande famiglia delle cipolle, c'è anche il discorso dello scalogno. L'operatore riferisce che i Francesi stanno facendo una pessima operazione, cioè svendendo, talvolta quasi regalando ovunque il loro scalogno. "Hanno in ballo grosse quantità dovute a maggiori superfici e a rese più alte del solito e questo ha causato accumuli in cella di cui vogliono disfarsi".

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto