Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La mela Honeycrisp non ha avuto un successo immediato, ma poi e' schizzata alle stelle

La mela Honeycrisp sviluppata dall'Università del Minnesota è ormai salita al sesto posto nella produzione americana delle mele. Ma il suo successo non è stato immediato, sembrava quasi non potesse accadere - riferisce un coltivatore di mele del Minnesota che allora era all'inizio della sua attività.

Quest'autunno, la Pepin Heights Orchards Inc. celebra 20 anni di vendita della Honeycrisp. E mentre al proprietario, Dennis Courtier, viene spesso attribuita dai leader americani dell'industria delle mele la creazione del fenomeno Honeycrisp, lui sottolinea che è esclusivamente una storia del Minnesota alla quale hanno partecipato in tanti.

"Alla fine degli anni '80, stavamo andando in rovina cercando di competere nel settore mele - ha riferito Courtier - Abbiamo guardato a nuove varietà per salvare l'azienda e altri piccoli coltivatori come noi".

Courtier ha orientato la sua attività sulla ricerca di varietà sconosciute e gustose, e le ha portate sul mercato. Ha viaggiato in tutto il mondo in cerca di mele molto saporite per introdurle nei suoi frutteti che si affacciano sul Lago Pepin. Il destino ha voluto che Courtier trovasse la sua grande storia di successo proprio dietro casa, nell'ambito del programma di riproduzione delle mele dell'Università del Minnesota, presso il Centro Ricerche per l'Orticoltura di Excelsior. Il direttore del progetto di riproduzione di frutta "U", Dr. Jim Luby e il coltivatore David Bedford hanno introdotto Courtier a una varietà prova, individuata solo con un numero, che ritenevano avesse un potenziale.



"Anche se questa nuova selezione era ancora in prova, aveva una straordinaria consistenza croccante, a differenza di quelle assaggiate in precedenza. Abbiamo capito che andava testata al più presto dal punto di vista commerciale" ha ricordato Bedford.

Courtier non fu immediatamente entusiasta, ma decise di testarla. E il resto, come dicevamo, è storia. Una lunga storia. "La Honeycrisp non ha riscosso un successo immediato, quei primi anni sono stati una strada in salita, ma poi è schizzata alle stelle" ha sottolineato Courtier.

Sebbene abbia un gusto superiore, soprattutto rispetto alle mele che dominavano il mercato in quel momento, la mela rimane un frutto difficile da coltivare e da confezionare. Courtier ha riferito che c'è voluto tanto per convincere i rivenditori a stoccarla. "Sono sempre grato ai dettaglianti che ci hanno dato questa possibilità e hanno salvato la nostra attività e quella di altri come noi".

La prima vendita della mela Honeycrisp di Pepin Heights, nel 1997, fu presso il retailer Lunds nel Minnesota, ora Lunds & Byerlys. Dierberg in St. Louis e i Mercati Centrali sono stati tra i primi clienti della Pepin Heights a testare il potenziale della Honeycrisp.



Oggi, la cultivar è diffusa da costa a costa e in tutto il mondo, come la Honeycrunch. La produzione americana della Honeycrisp è cresciuta: dal non essere tracciata dall'Apple Association americana nel 2004 ad essere la dodicesima varietà nel 2008, quando venivano confezionati 3,5 milioni di cartoni. Nel 2017 è la sesta cultivar con una previsione di 16,7 milioni di cartoni.

A livello di cifre, sulla base delle entrate di vendita, la Honeycrisp è probabilmente tra le prime tre o quattro varietà, perché al dettaglio ha una quotazione più alta rispetto ad altre.

Detto ciò, le Honeycrisp non sono tutte uguali, ha spiegato Courtier. "Le Honeycrisp sono nate e coltivate nella zona settentrionale del Minnesota e nel clima più freddo. Ecco perché la Honeycrisp coltivata in climi caldi impallidisce letteralmente al confronto. La nostra terra la rende migliore".

Pepin Heights non sta riposando sugli allori delle Honeycrisp. L'azienda vuole ripetere il successo con un'altra varietà dell'Università del Minnesota, la SweeTango®, per la quale la stessa Università nel 2005 ha assegnato a Pepin Heights il brevetto nordamericano. Courtier ha fondato la cooperativa di coltivatori Next Big Thing - una rete di coltivatori e confezionatori di Stati Uniti e Canada - per portare la SweeTango sul mercato. Attualmente disponibile per alcuni mesi autunnali, mentre i coltivatori ne aumentano la produzione, la SweeTango ha già guadagnato un appassionato seguito fra i consumatori. La varietà è già salita al decimo posto per volume di vendite e ha ottenuto il terzo più elevato prezzo medio di vendita sul mercato.

"L'obiettivo principale del nostro programma è sviluppare nuove varietà di mele - ha dichiarato Bedford, dell'Università del Minnesota - La Honeycrisp ci ha dimostrato che quando raggiungiamo questo obiettivo e introduciamo queste varietà attraverso partner industriali affini, il risultato è un'esperienza gustativa veramente eccezionale per il cliente".

Per maggiori informazioni:
Jake Anderson
Tel: +1 612 741 5984
Email: jakea@fasthorseinc.com

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto