Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Gli organosolfuri dell'aglio per il trattamento della febbre dengue

Negli ultimi decenni, la dengue si è imposta come emergenza di sanità pubblica soprattutto in America Centrale e Meridionale. Il vettore primario per questa malattia è una zanzara, Aedes aegypti, che si è espansa in tutti i tropici e in zone urbane dove gli abitanti sono molto suscettibili all'infezione. L'infezione è trasmessa agli esseri umani dalle punture di zanzare che hanno, a loro volta, punto precedentemente una persona infetta. Non si ha quindi contagio diretto tra esseri umani, anche se l'uomo è il principale ospite del virus. Il virus circola nel sangue della persona infetta per 2-7 giorni, e in questo periodo la zanzara può prelevarlo e trasmetterlo ad altri.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, la dengue causa circa 50 milioni di casi d'infezione ogni anno in tutto il mondo e i due quinti della popolazione mondiale è a rischio di dengue. Normalmente la malattia dà luogo a febbre nell'arco di 5-6 giorni dalla puntura di zanzara, con temperature anche molto elevate e ciò che ne consegue. La malattia però può svilupparsi sotto forma di febbre emorragica con emorragie gravi che possono causare veri e propri collassi che possono risultare anche fatali. Senza un adeguato trattamento, il paziente può morire in 12-24 ore.

I patologi della Scuola di Medicina dell'Università della South Carolina (USA) hanno valutato l'efficacia di alcuni composti organosolfuri dell'aglio nell'alleviare i sintomi da infezione dengue, lo studio completo è stato pubblicato lo scorso giugno sulla rivista Viruses.

Dalle analisi in vitro è emerso che disolfuro di diallile (DADS), solfuro di diallile (DAS) e allicina sono in grado di bloccare lo stress ossidativo e quindi ridurre l'infiammazione e l'ulteriore aggravarsi della malattia nelle cellule infettate. "In questo studio abbiamo scoperto che i composti organosulfuri dell'aglio sono in grado di ridurre sia l'infiammazione sia lo stress ossidativo durante l'infezione da dengue di cellule umane – spiegano i ricercatori - Ciò potrebbe portare a una nuova terapia alternativa per il trattamento dell'infezione e/o la prevenzione della progressione della malattia. Noi pensiamo di continuare e approfondire la ricerca valutando gli effetti del consumo di aglio sull'infezione da virus della dengue in una coorte di pazienti".

Fonte: Alex Hall, Andrea Troupin, Berlin Londono-Renteria, Tonya M. Colpitts, 'Garlic Organosulfur Compounds Reduce Inflammation and Oxidative Stress during Dengue Virus Infection', 2017, Viruses, Vol. 9(7), 159; doi:10.3390/v9070159

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto