Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Con reportage fotografico

Asia Fruit Logistica 2017: i protagonisti internazionali

L'importanza dell'Asia per il settore globale sta crescendo e la fiera di Hong Kong, Asia Fruit Logistica (AFL), sta evolvendo con lei: quest'anno del 25%. Lo sviluppo del mercato cinese è uno dei motori di questa crescita, insieme all'incremento delle esportazioni da Sud America, Australia, Nuova Zelanda e Sudafrica verso mercati impegnativi in Asia e Sud-est asiatico. Miglioramento e investimenti nella catena del freddo, vendita al dettaglio e servizi sono altri fattori di crescita.


Terry Chan, direttore di Dole - Shanghai; Marc Evrard, direttore commerciale di Belgian Fruit Valley e Michael Franks, amministratore delegato di Seeka New Zealand.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico.

Cina
L'import-export e le industrie di servizi in Cina crescono anno su anno. Questo sviluppo è emerso chiaramente all'AFL: nel 2016, circa 75 aziende cinesi hanno partecipato all'evento contro le oltre 180 di quest'anno.

I principali fattori di questi sviluppi sono: un mercato di importazioni in espansione, un settore servizi completo e infrastrutture legate alla catena del freddo.

La Cina è un grande esportatore di aglio, zenzero, cipolle, patate, carote, mele, pere e pomelo. La recente chiusura del mercato indiano per l'export di mele impone alle aziende di trovare altre destinazioni in Asia. Anche la gamma offerta dal paese è in espansione. Ad esempio, ci sono una serie di aziende specializzate nella produzione e nell'esportazione di limoni e kiwi; quest'anno poi vedrà il lancio di una serie di marchi cinesi di uva Moscato sul mercato internazionale.

Le importazioni in Cina sono in rapida crescita anno dopo anno. Prodotti popolari sono: ciliegie da USA e Canada, avocado provenienti dall'America Centrale e del Sud, ciliege dal Perù e dalla Nuova Zelanda e agrumi dall'Australia e dal Sudafrica. Questo aumento dei frutti premium inviati in Cina è uno dei fattori principali del successo di Asia Fruit Logistica. Sempre più aziende stanno entrando in questo mercato, e il cambiamento sembra aumentare il passaggio dalle realtà commerciali orientate all'esportazione ad aziende orientate all'importazione e alle ditte di servizi.


Il team Freshmax (Australia): Jacky Qin, l'export manager Patricia Bowlby, il general manager Will Snell e l'export assistant manager Pasquale Demaria.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico.

Australia e Nuova Zelanda
Rispetto alle precedenti edizioni era presente un numero maggiore di aziende australiane e neozelandesi. Sono state presentate molte nuove varietà di mele e arance. L'Australia e la Nuova Zelanda inviano sempre più prodotti premium, come mele, pere, ciliegie e verdura, in Cina e in altri mercati asiatici.

Sudafrica
Recentemente, l'Europa ha chiesto ulteriori prodotti sudafricani, ma questa esigenza non è sempre soddisfatta. Gli esportatori sudafricani commentano che l'Europa non paga i prezzi premium che possono ricevere dal Medio Oriente o dall'Asia, in particolare dalla Cina. L'export non può soddisfare le richieste provenienti dall'Asia con le esportazioni di frutti di alta qualità del Sudafrica.


La squadra della Riverkin al completo. L'azienda è uno dei principali importatori di ciliegie in Cina, tra gli altri prodotti.

America Centrale e Meridionale
Quest'anno Asia Fruit Logistica ha visto il primo padiglione della Costa Rica. Dal momento che il paese ha ricevuto l'accesso per gli ananas al mercato cinese, oltre dieci esportatori erano presenti in fiera. Inoltre, c'erano aziende argentine, ecuadoriane e messicane. Recentemente, un certo numero di nuovi prodotti provenienti da società dell'America Centrale e Meridionale ha ricevuto il via libera al mercato cinese e gli esportatori stanno cercando di trarne pieno vantaggio.

Il Messico prevede di ricevere l'accesso al mercato per le sue banane nel mese di novembre e spera di iniziare l'esportazione l'anno prossimo. Sempre in tema banane, l'Ecuador ha negoziato tasse inferiori in Corea del Sud per l'export dei suoi prodotti.

Inoltre, la presenza a Hong Kong di commercianti provenienti da Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda è preziosa anche per gli esportatori, in quanto le produzioni regionali hanno una portata globale.

Gli esportatori peruviani hanno avuto problemi con El Niño, che ha causato un calo enorme nei volumi di uva nella seconda metà della stagione. Tuttavia, si dice che il Perù invierà meno mirtilli sul mercato nordamericano per aumentare le sue esportazioni verso la Cina continentale.


José Antonio Gómez di Camposol. Di recente, l'azienda ha aperto un ufficio a Shanghai.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico.

Paesi Bassi e Belgio
I Paesi Bassi e il Belgio hanno inviato una cospicua delegazione in fiera. L'export in Cina da questi paesi è ancora nelle prime fasi. Il Belgio sta esportando un considerevole volume di pere Conference. Gli Olandesi attendono una svolta nel mercato cinese; a giugno sono state inviate partite prova di peperoni. Gli ordini commerciali sono stati evasi nelle ultime settimane.

La produzione orticola cinese è in rapido sviluppo e nei prossimi anni dovrebbero essere entrare in produzione nuovi areali con serre hi-tech. Oltre alla spedizione di peperoni verso i mercati asiatici e cinesi, i commercianti olandesi stanno investendo nella produzione locale. Quest'anno, infatti, sono stati avviati due progetti di joint-venture per la produzione di pomodori in serra tra commercianti olandesi e investitori cinesi.

Anche i Paesi Bassi e il Belgio sono importanti esportatori di macchinari e tecnologie di alto livello in Asia. Nuova Zelanda e Australia sono stati i mercati che originariamente venivano serviti dai produttori di macchine locali. In questi anni, sempre più macchinari e tecnologie europee sono stati esportati in queste destinazioni lontane. Tuttavia, i fornitori testimoniano una maggiore concorrenza sul prezzo e sulla qualità da parte dei produttori cinesi.

Giappone e Corea
Numero crescente di espositori giapponesi e coreani. In passato, l'attenzione era principalmente sulle esportazioni di frutti di alta qualità. Quest'anno è stata presentata al pubblico una serie di varietà orticole.

Le aziende giapponesi e coreane stanno guadagnando una quota più grande nei mercati del Sud-est asiatico. Uno degli esempi è dato dal fatto che le aziende coreane investono in banane del Vietnam.


Mohamed Gonbour, Zine Zouggari e Hamdy Ahmed di MasrFruit.

Turchia, Egitto e Grecia
Gli espositori turchi sono stati testimoni di grande interesse da parte degli importatori indiani che chiedono fresche mele, probabilmente per la mancanza di mele cinesi in estate e autunno. La Cina è tradizionalmente il principale fornitore di mele del Paese.

L'interesse cinese per le arance egiziane si è dimostrato molto forte. Avendo già portato avanti una stagione di esportazione, i produttori egiziani riportano una domanda dalla Cina molto forte. I buyer cinesi cercano varietà di agrumi dolci e dalla buccia perfetta, senza macchie. Se il frutto sembra danneggiato, diventa invendibile in questo mercato.

Gli espositori greci non sono sembrati soddisfatti del numero di visitatori registrato.
Oltre al kiwi si punta su altre produzioni, ma la maggior parte degli acquirenti conosce solo la produzione greca di kiwi e le sue vendite internazionali.


Susan Day, vice presidente, e Fabian Garcia, assistente direttore, della California Table Grape Commission.

Stati Uniti e Canada
Il Nord America è un grande fornitore di mele, mirtilli, fragole, ciliegie, agrumi e uva nle Sud-Est asiatico e, in particolare, sul mercato cinese. Alla fiera era presente una serie di coltivatori e organizzazioni di esportazione. La domanda in Cina è forte; tuttavia, i ritorni possono essere più elevati e più stabili in altri paesi dell'area.

La produzione canadese di ciliegie è diminuita all'inizio di quest'anno a causa del clima caldo durante l'estate. Gli esportatori concentrano le proprie spedizioni sul Mid-Autumn Festival, che è una delle principali feste pubbliche cinesi che, solitamente, si tiene entro la metà di settembre. Il Mid-Autumn Festival tarderà quest'anno e si svolgerà all'inizio di ottobre; con spedizioni che termineranno prima, gli esportatori temono di perdere questa opportunità di mercato.

La Commissione Fragola della California ha potuto registrare quattro esportatori per l'export di fragole fresche in Cina. Quest'anno, inoltre, anche quattro o sei compagnie di spedizioni prevedono di ricevere l'accesso.

Italia e Spagna
L'Italia sta inviando kiwi premium in Cina e Sud-Est asiatico (cfr. FreshPlaza dell'11/09/2017). Il Paese spera di ricevere l'accesso al mercato cinese per le sue mele. Gli esportatori italiani hanno dichiarato che esiste una domanda specifica per le varietà dolci.

La Spagna esporta agrumi e susine in Cina e un certo numero di altri prodotti verso Hong Kong e altri mercati asiatici. Il Paese era ben rappresentato in fiera. La prima stagione di esportazione delle susine si è registrata lo scorso anno. Inizialmente, ci sono stati alcuni problemi di qualità, con le norme di importazione che dovevano essere soddisfatte e con i requisiti per lo stoccaggio refrigerato. Tuttavia, tenendo conto che tutti gli inizi sono difficili, gli esportatori sono positivi sulle prossime stagioni. L'export di agrumi potrebbe essere lo stesso. Ostacolati da un clima estremamente freddo alla fine della stagione in Spagna e da alcuni scioperi nei principali porti spagnoli all'inizio dell'anno, gli operatori sono positivi sulla nuova stagione.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico.

Guarda anche un video su YouTube!


Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto