Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"A colloquio con Francesco Semeraro di "Prime Now"

Frutta e verdura online: Amazon acquista ovunque per avere sempre la migliore qualita'

"Non abbiamo schemi precostituiti e zone di produzione fisse dove acquistare l'ortofrutta. Pur privilegiando l'Italia, ci riforniamo dove, in ogni preciso momento, vi è il prodotto migliore. Ci informiamo e acquistiamo in base alla qualità".

Francesco Semeraro, referente per Prime Now, (senior vendor manager Prime Now), cioè il servizio di consegne istantanee anche di ortofrutta nella città di Milano (e 46 comuni del comprensorio), sottolinea che Amazon punta alla massima qualità per questo servizio. E anche sulla stagionalità.

"Certe referenze sono richieste 365 giorni l'anno come, ad esempio, gli agrumi. Sono i clienti che ci chiedono le arance tutti i giorni e noi ci riforniamo, tramite le nostre aziende partner, dove c'è, di volta in volta, il prodotto migliore: quello più buono, quello che il consumatore vuole comprare ancora perché è stato soddisfatto".

Dialogare con Semeraro apre alcuni orizzonti: Amazon Prime Now non è solo un servizio veloce, anzi, ultrarapido; vuole essere prima di tutto un'opportunità in più. "Non siamo in competizione con gli altri canali distributivi, anzi, crediamo che l'online permetta di vendere più frutta e verdura anche a quelle famiglie che, altrimenti, non effettuerebbero l'acquisto. In tal modo, contribuiamo ad aumentare le quantità consumate nel complesso".



Considerato il successo del servizio a Milano, è spontaneo chiedere quali saranno le prossime città interessate. Semeraro non può, o non vuole, dare anticipazioni, ma assicura che "ne sarete informati". Insomma, c'è da aspettarsi un ampliamento del servizio presso altre grandi città in un lasso di tempo relativamente breve.

Amazon Prime Now, che permette la consegna entro un'ora oppure in una finestra temporale di due ore, a Milano e comprensorio, ha scardinato diverse resistenze che si credevano insormontabili. Ad esempio, che la frutta e la verdura vengono comprate solo se viste fisicamente dal cliente e, magari, tastate e manipolate. Non è così. Se si instaura un rapporto di fiducia fra venditore e acquirente, saltano tutti gli schemi.

 

"Siamo noi gli occhi e le mani del cliente – dice Semeraro – e lui si fida del nostro tramite. I nostri controlli sono sia in entrata, sia in uscita del prodotto. Ma ancor prima, sono i fornitori a garantire quel che ci consegnano. Al cliente diamo il peso minimo garantito con un prezzo congruo che paga al momento dell'ordine. Tutto molto semplice, preciso, puntuale. Direi che è questa la chiave del successo".

E, sul fronte fornitori, Amazon si affida ad alcune aziende che riforniscono 70 referenze dopo che, in febbraio, erano partiti con sole 20. Un incremento notevole, in soli 10 mesi, per un servizio che viene effettuato o con furgoni o in scooter.

"Non vi sono differenze significative – aggiunge Semeraro – sulle consegne nelle varie zone della città. Da tutta Milano i consumatori hanno risposto in maniera pressoché simile. Di famiglie che chiedono ortofrutta buona, di qualità e in tempi rapidi direttamente a casa, ce ne sono in tutto il territorio. Stiamo lavorando per migliorare ed estendere il servizio".

Abbiamo simulato un acquisto e, come già verificato in un precedente articolo (Cfr. FreshPlaza del 12/06/2016), il servizio online per ordinare è veloce e perfetto. Siamo ghiotti di uva bianca apirena e in data 6 dicembre 2016 era a disposizione scontata, a 1,95 euro per 500 grammi (3,90 euro/kg), contro 2,40 che sarebbe stato il prezzo pieno.

Una perplessità sulla provenienza
: forse per citare tutte le zone di produzione durante i 365 giorni, sono stati indicati Italia, Egitto, Brasile, Cile, Sudafrica. E' chiaro che in questa stagione l'uva non proverrà dall'Italia, al massimo dal Sudafrica. Non dovrebbe essere troppo difficile indicare la nazione esatta.

Per i kiwi, ad esempio, era indicato Italia, (4,66 euro il kg per la confezione da 500 grammi) e addirittura si può scegliere di comprare 3 kiwi con questa avvertenza: "Riceverai una quantità di prodotto inclusa nella fascia di peso indicata nel titolo (300-450 gr). Il prezzo è calcolato in base al peso massimo della fascia. Se il prodotto che hai ricevuto ha un peso inferiore ti rimborseremo automaticamente eventuali differenze di prezzo". Onestamente, è una precisazione e un servizio eccezionale, in un panorama del dettaglio ortofrutticolo piuttosto ingessato. 

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto