Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La vittoria di Trump segnera' la fine della globalizzazione?

Contro ogni pronostico della vigilia, come era stato nel caso della Brexit, Donald J. Trump è stato eletto 45mo presidente degli Stati Uniti, con esiti subito negativi per i listini azionari asiatici. L'indicazione dell'elettorato statunitense è netta: l'America e gli Americani devono venire prima di ogni altra questione, di ogni altra area geografica, di ogni apertura internazionale. Una forte spinta a quell'isolazionismo che ha connotato altri momenti salienti della vita del grande continente, dove però gli unici autoctoni sono i Nativi americani, cioè i Pellerossa.



Trump ha già messo in discussione molti dei cardini della precedente politica globale degli States: a cominciare dalla NATO, in merito alla quale ha dichiarato "non ha senso impegnarsi in giro per il mondo per poi registrare 800 miliardi di dollari di deficit commerciale". Il nuovo presidente degli Stati Uniti, del resto, è un uomo d'affari e guarda al ritorno in soldoni di ogni questione. Non lo interessano le operazioni diplomatiche, ma la sostanza (del portafoglio).

Al che si potrebbe pensare che Trump sia un liberista, o un sostenitore degli accordi commerciali: tutto il contrario. Sul NAFTA, per esempio - l'accordo di libero scambio che alleggerisce le barriere tra USA, Canada e Messico - Donald Trump ha usato parole forti, definendolo "il peggior accordo commerciale mai siglato" perché sarebbe costato la perdita di molti posti di lavoro negli Stati Uniti. Non è un caso che, alla notizia dell'elezione di Trump, la moneta messicana sia crollata nei confronti del Dollaro (-13%, il calo peggiore in 20 anni).



Insomma il neopresidente statunitense è la più perfetta espressione di tutti i timori e le incertezze di una classe media (la cosiddetta "maggioranza silenziosa"), fortemente tentata di chiudersi a riccio nei confronti del resto del mondo e di rimettere in discussione decenni di globalizzazione.

Staremo a vedere in che misura la politica di Trump disconnetterà gli Stati Uniti dall'intervento nelle aree geopolitiche più delicate (come il Medio Oriente) e che effetti avrà sui vari trattati ancora in fase di negoziazione (TTIP compreso), nonché sull'embargo russo.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto