Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Situazione critica sui ponti del Po nel pavese

Dopo il grave incidente della Statale 36 causato dal crollo di un ponte, l'allarme delle strutture ritenute a rischio si diffonde nella provincia di Pavia. Già posto un limite ai veicoli pesanti sulla Val Tidone.

Con un'ordinanza del 7 novembre 2016, il presidente dell'Area Vasta di Pavia (nome attuale delle provincie), Vittorio Poma, ha stabilito il divieto di transito dei veicoli con massa complessiva superiore a 10 tonnellate sul ponte che consente il passaggio sul Po lungo la Provinciale 412 (Val Tidone), nel territorio del Comune di Pieve Porto Morone. Questo è un ponte importante per raggiungere diverse piattaforme logistiche del pavese e del piacentino.

L'Area Vasta consiglia, come percorso alternativo, la provinciale 10 Padana Inferiore, la Provinciale 199 di Spessa e la provinciale 234 Codognese, "che presentano dimensioni più consone al traffico pesante e costituiscono un'alternativa all'autostrada A21". Secondo quanto ha dichiarato Vittorio Poma alla stampa locale, il divieto è dovuto a "ragioni di prudenza" e non a un reale pericolo di crollo. I giunti hanno lesioni che saranno riparate, causando la circolazione a senso unico alternato sul ponte. La decisione poterà problemi agli autotrasportatori diretti alle piattaforme logistiche del piacentino, molti dei quali transitano proprio su questo ponte.

Clicca qui per leggere di più su www.trasportoeuropa.it.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto