Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Intervista a Stefano Fontana, Valagro Italia

I biostimolanti, questi prodotti sconosciuti!

"La crescita della popolazione e una maggiore domanda di prodotti alimentari, insieme alla diminuzione dei terreni coltivabili, crea la necessità di una maggiore produttività. Ma essa si potrà ottenere solo con l'utilizzazione di strumenti quali i biostimolanti, i microelementi, i biofertilizzanti e i prodotti per il biocontrollo. Sono queste le categorie di prodotti in grado di produrre benefici per l'agricoltore in presenza di resistenze o stress abiotici, eccessi, carenze o sbilanci di elementi nutritivi. I biostimolanti sono sempre più utilizzati nella produzione agricola a livello mondiale, ma per molti agricoltori sono ancora una categoria nuova e sulla quale hanno poche esperienze pratiche di utilizzo." E' quanto dichiara a FreshPlaza Stefano Fontana, Crop Manager di Valagro Italia.



I biostimolanti sono prodotti contenenti estratti naturali, che offrono soluzioni per affrontare i problemi finora irrisolti, come la tolleranza agli stress abiotici, quali la siccità, le basse temperature e la salinità; nonché migliorare l'efficienza d'uso dei nutrienti per le colture. Essi offrono quella versatilità che serve all'agricoltore per una gestione integrata delle produzioni, che preveda un'attenzione particolare non solo ai mezzi di protezione dagli insetti, dalle infestanti e dalle malattie ma anche strumenti per la gestione dell'acqua, della fertilità del suolo e degli stress abiotici.

L'Ebic, il consorzio europeo nato con l'obiettivo di promuovere una revisione della normativa europea sui fertilizzanti inserendo la nuova categoria dei biostimolanti, suggerisce di definire come "biostimolanti" quelle sostanze e/o microrganismi che esplicano un'azione di miglioramento dell'efficienza di assorbimento e utilizzazione dei nutrienti, della tolleranza ad avversità abiotiche e della qualità del prodotto. Nel marzo di quest'anno, la Commissione Europea ha redatto la prima bozza del nuovo regolamento dei fertilizzanti con l'introduzione dei biostimolanti. "Siamo fiduciosi - sottolinea Stefano Fontana - che possa essere promulgato nel 2018".

Un biostimolante non può essere confuso né con un agrofarmaco né con un fertilizzante. I biostimolanti non hanno un effetto diretto sul controllo dei patogeni e/o parassiti, in quanto soltanto ai prodotti registrati come fitofarmaci può essere attribuito questo ruolo. Qualora venissero presentati come prodotti utili per la protezione dagli agenti patogeni si rischierebbe di creare confusione e false aspettative. "Ciò danneggerebbe seriamente il settore dei biostimolanti – avverte il Crop Manager di Valagro Italia - Si distinguono dagli agrofarmaci perché agiscono sul vigore delle piante e non hanno nessuna azione diretta contro i parassiti o le malattie anche se contribuiscono a ridurre l'impiego di input di prodotti agrochimici".

I biostimolanti agiscono attraverso meccanismi diversi rispetto ai fertilizzanti, in quanto non basano la loro azione sull'apporto di elementi nutritivi e perciò sono definiti attivatori del metabolismo. Permettono di ottenere il massimo effetto dai fertilizzanti distribuiti riducendo gli sprechi e aumentando la produzione, migliorano la qualità dei raccolti garantendo all'agricoltore un prezzo più alto, aiutano la coltura a resistere e a recuperare dagli stress, consentendo la produzione anche in condizioni ostili di crescita.

"I biostimolanti sono complementari all'uso dei fertilizzanti e degli agrofarmaci, in questo senso si possono considerare come la chiave per la Sostenibilità - sottolinea Fontana - Infatti, aumentano l'efficienza dei fertilizzanti (-50% di emissione di gas serra), migliorano l'efficienza dell'acqua, aumentano la resistenza delle piante agli stress, riducono i rischi legati ai cambiamenti climatici e incrementano le produzioni per ettaro".

In questi trent'anni, Valagro ha sviluppato famosi biostimolanti, come Megafol che continua a dare garanzie senza precedenti ai produttori. Valagro lavora con produttori e distributori chiave in più di 80 Paesi, per affrontare le loro esigenze specifiche nelle diverse situazioni su un'ampia gamma di colture e sviluppando soluzioni personalizzate. Mentre Megafol aiuta a superare gli stress abiotici delle piante accentuati dai cambiamenti climatici, Viva con la sua combinazione unica di aminoacidi, acidi umici e polisaccaridi specifici migliora e rafforza la performance dell'apparato radicale della pianta e rivitalizza il sistema suolo-radici per assicurare agli agricoltori una maggiore quantità e una migliore qualità delle produzioni, utilizzando meno risorse.

Fontana dichiara: "Il Megafol è stato il primo prodotto presentato sul mercato nel 1980 ed oggi, dopo le opportune rivisitazioni e la validazione attraverso la piattaforma tecnologica GeaPower, è ancora il biostimolante più venduto nel mondo."

In Valagro fin dal 2012 tutti i formulati vengono dapprima validati attraverso l'applicazione di un'esclusiva piattaforma tecnologica definita GeaPower. Questa tecnologia si basa sull'utilizzazione delle scienze omiche come la Genomica, la Fenomica e la Metabolomica. I ricercatori di Valagro sono in grado di identificare con estrema precisione la natura e la quantità delle singole sostanze in grado di determinare risposte fisiologiche specifiche nelle piante. I diversi ingredienti attivi presenti negli estratti vegetali vengono selezionati e formulati in prodotti unici con un effetto biostimolante specifico. Dopo questa fase di ricerca e sviluppo i prototipi vengono testati dal nostro team di agronomi attraverso un ampio numero di prove di campo a diverse latitudini e condizioni climatiche. Al termine di questo percorso, certificato da GeaPower, siamo in grado di offrire soluzioni basate su una innovazione sostenibile che prendendo in prestito preziosi principi attivi dalla natura, li restituisce alla natura stessa.

Per formare produttori e distributori sulla piattaforma tecnologica GeaPower, Valagro ha sviluppato un nuovo programma, denominato Academy, finalizzato a creare e condividere una conoscenza altamente qualificata sul mondo delle soluzioni Valagro per la nutrizione delle colture e i biostimolanti.

Per il successo della commercializzazione dei biostimolanti è necessario che ogni prodotto sia sviluppato e proposto sulla base di risultati validati dalla comunità scientifica: ricerca e garanzia di qualità di un biostimolante sono un legame indivisibile. Solo attraverso la ricerca si può sviluppare un prodotto che risponda alle esigenze del produttore in termini sia agronomici sia economici.

Valagro offre diverse soluzioni per affrontare la maggior parte delle esigenze delle colture in maniera sostenibile. Acqua e suolo continueranno ad essere i principali fattori che limitano la produttività delle colture nel prossimo decennio. Migliorare l'efficienza d'uso dell'acqua e dei nutrienti grazie a soluzioni biostimolanti sarà fondamentale in tutte le aree geografiche, poiché ci sono già casi di perdita del raccolto a causa di carenza di micronutrienti in alcune zone di produzione chiave del mondo.

I sistemi previsionali per un'agricoltura di precisione permetteranno di prescrivere soluzioni tempestive, su misura, per un approccio di gestione integrata delle colture - conclude Fontana - I biostimolanti, i biofertilizzanti e i prodotti per il biocontrollo sono elementi chiave per l'agricoltura del futuro.

Contatti:
Valagro spa
Zona Industriale
Via Cagliari, 1
66041 Atessa (CH) - Italia
Tel.: (+39) 0872 881476
Email: info@farm.valagro.com
Web: www.valagro.com

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto