Lieviti per controllare il marciume bruno delle drupacee

Ricercatori dell'Università di Scienze Ambientali e Biologiche di Wroclaw (Polonia) e dell'Università di Catania hanno saggiato in vitro e in vivo gli effetti antagonisti di alcuni lieviti (Debaryomyces hansenii KI2a, Debaryomyces hansenii MI1a e Wickerhamomyces anomalus BS91) contro Monilinia fructigena e Monilinia fructicola, agenti del marciume bruno che è una delle principali infezioni fungine post-raccolta delle drupacee.



Dai test effettuati è emerso che tutti i ceppi di lieviti hanno dimostrato un'attività antifungina a livelli diversi a seconda di specie, ceppo e patogeno.

D. hansenii
KI2a e W. anomalus BS91 hanno mostrato la più alta attività di biocontrollo in vitro; si è ipotizzato che i loro principali meccanismi d'azione contro gli agenti patogeni siano la produzione di enzimi idrolitici, tossine killer e composti organici volatili.

I lieviti D. hansenii KI2a e W. anomalus BS91 hanno significativamente ridotto l'incidenza e la gravità del marciume bruno su pesche e susine artificialmente inoculate con M. fructigena e M. fructicola, soprattutto quando il lievito è stato applicato 24 ore prima dell'inoculo con il patogeno.

Al contrario, D. hansenii MI1a ha mostrato una debole attività antagonista verso M. fructigena su pesche e susine ed è stato inefficace contro M. fructicola. La notevole capacità di W. anomalus BS91 nel controllare il marciume bruno potrebbe essere anche correlato alla sua elevata capacità di colonizzare il tessuto lacerato e aumentare la sua densità di popolazione.

I ricercatori concludono: "I ceppi antagonisti, D. hansenii e W. Anomalus, potrebbero essere proposti come principi attivi per lo sviluppo di biofungicidi contro le specie di Monilinia che sono responsabili di ingenti perdite economiche per le drupacee."

Fonte: Monika Grzegorczyk, Barbara Zarowska, Cristina Restuccia, Gabriella Cirvilleri, 'Postharvest biocontrol ability of killer yeasts against Monilinia fructigena and Monilinia fructicola on stone fruit', 2017, Food Microbiology, Vol. 61, 93-101.
www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0740002016306128

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto