Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I lavoratori dei fast-food sono ad alto rischio di esposizione all’acrilamide

L'acrilamide (AA) è stata segnalata per essere una neurotossina che causa alterazioni degenerative nervose quando vi è un'assunzione orale cronica ed è un possibile agente cancerogeno per gli esseri umani, classificato nel gruppo 2A dall'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro.

L'analisi cinetica sulla formazione di acrilamide negli alimenti riscaldati è stata generalmente eseguita utilizzando solo i dati misurati di acrilamide negli alimenti; tuttavia, la sua possibile perdita causata dal rilascio da cibi riscaldati nell'olio fritto e nell'aria è stata raramente considerata.



Ricercatori della China Medical University, Fooyin University e Meiho University di Taiwan hanno monitorato la quantità di acrilamide che si forma nelle patatine fritte, nell'olio fritto e nell'aria dell'ambiente di frittura.

I risultati hanno confermato che, durante la frittura delle patatine, l'acrilamide si distribuisce in tre fasi: nelle patatine, nell'olio di frittura e nell'aria. Un elevato livello di acrilamide è stato inoltre rilevato nell'aria, il che implica che, a parte i consumatori di patatine fritte, i lavoratori dei fast-food sono potenzialmente soggetti a rischio professionale da inalazione di acrilamide.

Considerando la quantità totale di acrilamide nelle tre fasi, i ricercatori propongono un modello cinetico dei tre stati aggregati per monitorare l'AA.

Questo studio è di notevole rilievo e interesse sia per la comunità scientifica sia per i fast-food, poiché fornisce una visione dettagliata del rapporto tra le cinetiche intrinseche della formazione di AA durante l'effettiva frittura di patatine fritte e della distribuzione di AA che si forma nell'olio fritto e si libera nell'aria dei locali di frittura.

I ricercatori concludono: "Questo studio evidenzia un maggior rischio di esposizione all'AA per inalazione per i lavoratori dei fast-food e sottolinea l'importanza di misure precauzionali nel riutilizzo dell'olio fritto."

Fonte: Hui-Tsung Hsu, Ming-Jen Chen, Tzu-Ping Tseng, Li-Hsin Cheng, Li-Jen Huang, Tai-Sheng Yeh, 'Kinetics for the distribution of acrylamide in French fries, fried oil and vapour during frying of potatoes', Food Chemistry, Vol. 211, pag. 669-678. www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0308814616308147

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto