Confagricoltura Cuneo: buona annata per i piccoli frutti, momento positivo per le albicocche

Mentre nei frutteti della provincia di Cuneo è in pieno svolgimento la raccolta delle pesche e delle nettarine, alcune campagne frutticole sono praticamente ultimate o si avviano alla conclusione con la fine del mese o i primi giorni di agosto. E' il caso dei piccoli frutti, delle susine e delle albicocche.

Nonostante una primavera che ha riservato alla Granda molti temporali, spesso anche violenti e associati a grandinate, la frutta estiva è di qualità. I piccoli frutti, come mirtilli e lamponi, ad esempio, sono particolarmente ricercati perché incontrano sempre più il gusto dei consumatori, italiani e non solo. "

L'inizio della stagione frutticola è stato senza dubbio positivo - commenta Alberto Giordano, presidente sezione ortofrutticola di Confagricoltura Cuneo - C'è molto interesse, infatti, da parte del mercato nei confronti dei piccoli frutti, sempre più richiesti anche all'estero, così come buona è la risposta del mercato alle nostre susine di varietà ramassin".


La Ramassin eredita il suo nome dal termine dialettale che traduce quello della varietà cosiddetta "damaschina", legato a sua volta alla città siriana di Damasco, località originaria di coltivazione di questa particolare susina (da cui le derivazioni "Dalmasin o darmasin").

Le grandinate e i forti temporali hanno causato qualche danno su alcune varietà di albicocche, ma dopo un primo momento di esitazione, anche questa tipologia di frutto sta riservando buone soddisfazioni ai frutticoltori cuneesi: "La qualità è ottima – afferma ancora Giordano – e come già avvenuto lo scorso anno, il mercato mostra particolare interesse soprattutto per le varietà più tardive, la cui raccolta andrà a concludersi nelle prossime due/tre settimane".

"Auspichiamo che i segnali fin qui incoraggianti si registrino anche sulla campagna delle pesche e nettarine, attualmente in corso, aiutando il comparto a riprendere quota dopo un 2014 a dir poco difficile. La raccolta è agli inizi e tracciare un bilancio ora è prematuro, tuttavia il caldo di queste settimane ha positivamente influito sui frutti, che si prospettano di assoluta qualità. Ci auguriamo che la richiesta da parte del mercato e il consumo di frutta fresca aumentino, complici anche l'afa e il calore, favorendo così la risalita dei prezzi riconosciuti ai produttori".

Quest'anno, dopo oltre un decennio di calo, i consumi di frutta in Italia sembrano leggermente risalire, con un incremento stimato del 5% rispetto all'anno scorso. Ma siamo ancora molto lontani dai consumi del 2000. In generale, infatti, tra il 2000 e il 2014 gli acquisti pro capite di frutta e ortaggi freschi sono scesi nel nostro Paese tra il 12 e il 15%. A questo si aggiunge una non adeguata redditività del comparto, con prezzi che sovente faticano a coprire i costi sostenuti.

Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018