Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Analisi dei dati presso l'azienda "Fratelli Contarino" di Cisterna (LT)"

Sistema di monitoraggio Osiris: TecnoQuadro presenta i risultati

Riuscire ad avere sotto mano un monitoraggio in tempo reale del proprio impianto di produzione rappresenta una importante opportunità per le aziende agricole che in tal modo riescono non solo a migliorare e rendere più efficiente la propria attività, ma anche a ottenere importanti risparmi economici.



TecnoQuadro, azienda di Latina specializzata nel campo della progettazione e commercializzazione di sistemi radio per il monitoraggio distribuito, da circa due anni sta avviando una sperimentazione che, nella sola provincia pontina, coinvolge oltre 20 aziende per lo più produttrici di kiwi.

Insieme al general manager di TecnoQuadro Massimo Marcon, FreshPlaza si è recata presso l'azienda agricola di Cisterna (provincia di Latina) Fratelli Contarino, specializzata nella produzione di kiwi, al fine di visionare direttamente quelli che sono i risultati della sperimentazione sul campo del sistema di monitoraggio Osiris.


Nella foto, Salvatore Contarino e Marco Marcon.

"La sperimentazione è partita due anni fa – ha spiegato l'ingegner Marco Marcon di TecnoQuadro – quando i tecnici Apofruit hanno indicato alcune aziende socie di riferimento, tra cui la Fratelli Contarino, per testare questo nuovo sistema di monitoraggio".



Dopo un primo anno di messa a punto, l'azienda Fratelli Contarino ha deciso di avvalersi del sistema di monitoraggio che di fatto, attraverso sensori posizionati nel terreno, effettua un monitoraggio dell'umidità e della temperatura fornendo quindi preziose indicazioni per quanto riguarda l'acqua disponibile nel terreno. Nel caso dell'azienda Fratelli Contarino sono presenti due sensori da 30 e 60 centimetri (nella foto sopra) distribuiti su due centraline (nella foto in basso) che inviano le informazioni ad un gateway.



Gli agricoltori che hanno acquisito il sistema di monitoraggio possono accedere ai dati in qualsiasi momento tramite Internet, semplicemente entrando nel sito web della TecnoQuadro.



"Ritengo che questa sia una sperimentazione davvero interessante – ha commentato Salvatore Contarino – perché aiuta l'agricoltore ad effettuare una valutazione corretta dello stato di umidità presente nel terreno. Grazie alle sonde, collocate a profondità variabile, abbiamo la possibilità di rilevare l'umidità presente nel terreno anche negli strati più profondi. In questo modo lavoriamo con un importante punto di riferimento che ci permette di correggere i parametri di irrigazione per l'intera estensione dell'impianto; nel nostro caso specifico 23 ettari"

In assenza di questa tecnologia sarebbe, al contrario, assai difficile appurare simili dati preziosi.


"La sperimentazione, oltre a determinare i valori assoluti di acqua – ha proseguito Salvatore Contarino – ci consente, in funzione dell'andamento stagionale delle piogge, di modificare i volumi di irrigazione. Una volta che vengono trovati i parametri giusti e quindi il range minimo e massimo di umidità necessario alla pianta di kiwi, si possono modificare i tempi di irrigazione raggiungendo la condizione ideale".


Nel grafico vengono indicati i valori ottimali di irrigazione


Nella foto, i sensori presenti nel terreno collegati alla centralina.

Un rischio molto frequente è infatti dato dall'eccesso di acqua che, a differenza della scarsità idrica, è poco percepibile a livello manifesto (le piante non danno particolari segnali). Nonostante ciò, l'acqua eccessiva causa enormi danni all'impianto radicale oltre a generare un importante spreco idrico. "Gli eccessi di irrigazione non solo sono più pericolosi, ma anche più diffusi di quello che si pensi".



Il sistema di monitoraggio offre inoltre altri vantaggi per quanto riguarda il controllo della temperatura. Le piante di kiwi necessitano di almeno 800 ore invernali di freddo (da dicembre a metà febbraio) tra gli 0 e i 7 gradi affinché vi sia un buon germogliamento.

Grazie a questo sistema vengono dunque tenute sotto controllo anche le temperature notturne, per verificare che siano raggiunte le ore di freddo necessarie alle piante di kiwi.

In base ai calcoli dell'azienda Fratelli Contarino e dell'ingegner Massimo Marcon, si stima che con questo sistema di monitoraggio si riesca ad ottenere un risparmio annuo che va dal 30% al 40%.

Per maggiori informazioni:
TecnoQuadro
General Manager Ingegner Massimo Marcon
Via Don Torello 45
04100 Latina (Italy)
Cell.: (+39) 335 7417226
Email: info@tecnoquadro.com
Web: www.tecnoquadro.com

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto