Si sviluppano i nuovi mercati USA e Medio Oriente; peccato per l'embargo russo

PeraItalia ®: debuttano le nuove confezioni nella GDO italiana

Vendite di pere superiori alle attese, giacenze in esaurimento, ripresa dei prezzi medi, buona partenza delle iniziative internazionali. Luciano Torreggiani, presidente del Consorzio PeraItalia, il primo brand italiano delle pere di qualità, fa il punto su un'annata complicata e su una campagna pere a due facce.

"Siamo partiti in effetti con prezzi molto bassi anche per le Abate. Nonostante l'ottima qualità del prodotto, la pressione sui prezzi da parte della GDO italiana ed internazionale è stata molto forte, a causa del blocco dei consumi. Ma da metà ottobre 2014 la situazione è cambiata. Già a metà novembre PeraItalia® ha registrato un andamento delle vendite superiore alle previsioni. Il venduto dei nostri soci supera il 35% del totale disponibile per tutte le varietà raccolte. Il prodotto non conservato si sta esaurendo e si comincia anche a vedere una ripresa dei prezzi medi sui mercati. Proprio sul fronte delle quotazioni siamo più ottimisti per quanto riguarda la seconda parte della stagione, quando pensiamo che il riequilibrio tra domanda e offerta porterà ad avere un livello di prezzi superiore e più soddisfacente per le nostre Abate".

GDO italiana
Sui vari mercati, PeraItalia è partita con iniziative fortemente innovative. In primo luogo puntando allo svecchiamento dell'immagine della pera e a un suo riposizionamento in termini di servizio. Sono state quindi lanciate nuove confezioni da 2-3 frutti, già inserite in otto gruppi della grande distribuzione italiana e in alcuni gruppi europei.



"Siamo soddisfatti circa i primi risultati di queste nuove proposte", commenta Torreggiani. "Con queste nuove confezioni vorremmo valorizzare la pezzatura media dell'Abate, che è sempre stata un tallone d'Achille della produzione in termini di reddito. Le nuove confezioni permettono di ottenere una marginalità maggiore delle confezioni tradizionalmente utilizzate per questa fascia di prodotto (cestino/vassoio). Nella seconda parte della campagna, effettueremo un test anche su un innovativo packaging per il prodotto sfuso che il Consorzio ha messo a punto e che completerà la gamma di offerta a marchio PeraItalia®. Ci aspettiamo, lavorando sullo sfuso e sui diversi calibri, di ottenere risultanti altrettanto significativi".

Poi i mercati esteri. Sul fronte extraeuropeo, PeraItalia® aveva puntato su 3 grandi aree: Russia, Nord America e Medio Oriente. A causa del blocco del mercato russo, è stato giocoforza focalizzarsi sugli altri due.

Nord America
Dopo la partecipazione al PMA di Los Angeles in ottobre
, si sono avviate nuove collaborazioni con operatori di quell'area per inviare i primi container di prodotto. In relazione all'impatto che avranno questi primi carichi si vedrà come proseguire. Il prodotto sarà accompagnato nei punti vendita da diversi materiali informativi, studiati appositamente per il consumatore americano. Il primo obiettivo infatti è quello di far conoscere la pera Abate e le sue caratteristiche organolettiche. Un passo decisivo per giustificare il differenziale di prezzo che la pera italiana avrà rispetto alle varietà autoctone.

Medio Oriente
Partecipando al WOP di Dubai con uno stand
, è stato registrato un buon interesse verso la nostra Abate. In particolare ciò che ha colpito di più è stata la dolcezza e la consistenza del frutto che sono state molto gradite dai visitatori dello stand. A seguito dell'iniziativa, si stanno sviluppando contatti su diversi paesi dell'area per poter sviluppare uno sbarco dell'Abate in quei mercati.

"In entrambe le aree – commenta Torreggiani - siamo consapevoli che servirà un percorso di medio-lungo periodo i cui frutti potranno essere raccolti tra alcuni anni. Ma crediamo che, se si creeranno le giuste condizioni, potranno rappresentare per il futuro della nostra pericoltura importanti sbocchi commerciali. Resta un grande rimpianto per quanto riguarda il mercato russo, chiuso a causa dell'embargo. Quel paese, in termini di volumi, potrebbe rappresentare il mercato di maggior potenzialità nei tempi brevi. Che dire? Bisogna prendere atto della impossibilità ad esportare per quest'anno ed augurarsi che, nonostante le ultime posizioni di Putin, la situazione si sblocchi al più presto".


Luciano Torreggiani, presidente del Consorzio PeraItalia

Il futuro
Il progetto PeraItalia è nato per dare risposte ai produttori attraverso la costruzione di un'aggregazione commerciale che fosse in grado di sostenere un progetto di valorizzazione che le singole imprese non potevano affrontare.

"Dopo che per decenni si è fatto poco o niente per valorizzare e far conoscere l'eccellenza delle nostre pere – aggiunge Torreggiani – bisogna essere consapevoli che dare un futuro alla pericoltura emiliano romagnola e all'Abate in primis, significa lavorare su più livelli per recuperare redditività per gli agricoltori. Significa lavorare sul recupero di costi, attraverso l'ottimizzazione della filiera di lavorazione e confezionamento per le fasce di prodotto meno pregiate; costruire valore aggiunto con una comunicazione e soluzioni di vendita innovative per il prodotto di pezzatura medio-grande, allargare gli sbocchi commerciali per ridurre le pressioni sui mercati tradizionali".

E' ovvio – aggiunge il presidente di PeraItalia – che "da soli non possiamo raggiungere tutti questi obiettivi, ma vogliamo essere uno stimolo anche per altri che potranno unirsi o seguire strade simili".

Conclusioni
Per PeraItalia la campagna 2014/15 sarà un test importante per verificare se il progetto è sostenibile e se ci sono le condizioni per sviluppare proficuamente la strategia di valorizzazione che è stata messa a punto. I soci del consorzio si incontrano ogni 2 settimane per condividere le politiche commerciali da applicare ai diversi clienti italiani ed esteri.

"Attraverso questo lavoro comune si fa squadra e si contribuisce tutti insieme a superare steccati un tempo invalicabili – conclude Torreggiani - Si tratta di vincere il conservatorismo di base del mondo agricolo, la diffidenza verso il nuovo, il cambiamento. Al tavolo di PeraItalia® si lavora su direttrici nuove e vincenti: innovazione della filiera, comunicazione al consumatore, incremento dell'esportazione sui nuovi mercati. Per questo auspico la condivisione e l'aiuto di tutto il mondo produttivo. Strada facendo cercheremo le soluzioni più efficaci per dare risposte ai produttori, con la massima apertura verso tutti e senza nessun pregiudizio a priori per nessuna possibilità".

----
PeraItalia è un consorzio nato nel 2013 per promuovere il consumo della pera di qualità italiana - ed in particolare dell'Emilia Romagna - nel mondo. Nove i soci (Unacoa Spa Consortile, Spreafico Spa, Granfrutta Zani Soc. Coop., Naturitalia Soc. Coop., Patfrut Soc. Coop, Orogel Fresco Soc. Coop., Pempacorer Soc. Consortile, Opera Soc. Coop., Bergonzoni srl) in rappresentanza di 1 milione di quintali di pere da tavola fresche commercializzate cui va aggiunto il prodotto da industria. PeraItalia è la prima azienda Italiana nel comparto delle pere con il 12% della produzione nazionale ed oltre un quarto del totale della produzione di Abate Fetel, la qualità più pregiata, vera regina della frutta made in Italy.

Contatti:
Pera Italia Soc. consortile srl
Via dei Mille 24
40123 Bologna
Tel.: (+39) 051 4210609
Fax: 051 4210549
Email: info@PeraItalia.it

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto