Nord America: in crescita il mercato del biologico

Nel Nord America, dalla recessione del 2008 in poi il comparto del biologico ha registrato un progressivo sviluppo. Negli Stati Uniti, il Programma nazionale per il Biologico ha sviluppato oltre dieci anni fa specifici standard nazionali e il mercato bio continua a espandersi sia in termini di dimensioni che di vendite.

La panoramica fornita dall'Organic Trade Association, l'Associazione per il commercio Bio, prevede una richiesta in continua crescita via via che i consumatori diventeranno più consapevoli dei vantaggi dei prodotti bio, cominceranno a fidarsi delle etichette alimentari e a cercare prodotti bio all'interno dei negozi alimentari.

Negli ultimi cinque anni gli USA hanno sperimentato un incremento della superficie e della produzione bio. Malgrado ciò, lo sviluppo non ha tenuto il passo con l'incremento della domanda.



Secondo il Censimento agricolo del 2012, gli Stati Uniti disponevano di oltre 2 milioni di aziende agricole nel 2012, per un totale di circa 370 milioni di ettari. Sebbene le aziende agricole biologiche rappresentassero meno dell'1% del totale nazionale e delle vendite nel mercato interno, in termini di penetrazione del mercato, il valore agricolo del settore frutticolo bio rappresentava oltre il 3% del totale della frutta degli USA e il settore degli ortaggi bio il 7% della quota totale.

"Le grandi coltivazioni come soia, mais e grano - ha spiegato Cathy Greene, dell'USDA - non sono coltivate biologicamente come le colture di alto valore, ad esempio gli ortofrutticoli. La nostra produzione segue la richiesta e le importazioni di prodotti bio ci aiutano a colmare i vuoti".

Nel 2013, i prodotti alimentari biologici hanno generato 35,1 miliardi di dollari di vendite, 3,6 miliardi in più rispetto all'anno precedente. Negli ultimi tre anni, la crescita media del mercato del bio è stata del 10%, rispetto al 3% del tradizionale. Tuttavia, il mercato del biologico rappresenta solo il 4% del mercato alimentare complessivo negli Stati Uniti.

Canada
Il mercato del biologico canadese ha registrato incrementi simili: dal 2006 il fatturato è triplicato, arrivando a 3,5 miliardi di dollari nel 2012 e superando tutti gli altri comparti agroalimentari nazionali. Gli alimenti e le bevande analcoliche bio hanno generato 3 miliardi di dollari in profitti.

La Columbia Britannica continua ad essere la provincia più vocata ai metodi di coltivazione bio, con acquisti di prodotti biologici pari a quasi il 7%. L'incremento di questi prodotti dipende anche dallo sviluppo di iniziative da parte dei grandi rivenditori. "Quando i grandi retailer ampliano la loro offerta - ha detto Greene - anche il mercato si espande. I sondaggi mostrano che i consumatori preferiscono gli alimenti biologici per questioni salutari, ambientali e di benessere per gli animali e che sono disponibili a pagare prezzi più alti. Dopo essere stati una scelta di vita per un ristretto numero di consumatori, oggi i prodotti bio sono consumati almeno occasionalmente dalla maggioranza degli americani".

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto