Dal 27 ottobre al 2 novembre

Ismea: situazione frutta fresca nella 44ma settimana del 2014

Nella 44ma settimana del 2014 (27 ottobre-2 novembre), il mercato per le mele ha mostrato una sostanziale stabilità. A ritmi lenti ma costanti sono proseguiti gli scambi sia sul circuito interno sia su quello estero a fronte di una limitata attività della domanda. Si conferma agevole il collocamento per le pere con quotazioni che hanno mostrato un incremento. Si sono intensificate ed estese le operazioni di raccolta per il kiwi, la cui offerta ha continuato ad incontrare una domanda soprattutto estera interessata. Andamenti di mercato differenti sono stati registrati per i loti. In ulteriore incremento i listini per l'uva da tavola da imputare esclusivamente all'incremento registrato per la varietà Italia di provenienza pugliese.

Mele da consumo fresco:nessun elemento di rilievo è intervenuto a modificare il quadro commerciale per la pomacea in esame. Quasi completate le operazioni di raccolta del prodotto che si stanno concludendo con le operazioni di stacco della varietà Cripps Pink. Sotto il profilo degli scambi il mercato continua ad essere caratterizzato da una generale calma. Le transazioni concluse sia sul circuito interno che estero si sono svolte a ritmi lenti ma costanti e con quantitativi non sufficienti in rapporto all'entità dell'offerta.
 
Clicca qui per un ingrandimento del grafico.


A livello di singole piazze contrattazioni tese al ribasso sono state registrate per la Golden Delicious, Stark Delicious e Granny Smith altoatesina i cui quantitativi avviati sul circuito commerciale sono stati oggetto di una debole attività della domanda. Di contro un rialzo delle quotazioni si è rilevato sulla piazza di Ferrara dove l'immissione sul mercato di merce dal migliore profilo qualitativo è stata oggetto di una fluida collocazione.

Pere da consumo fresco:anche questa settimana il mercato è stato caratterizzato da una discreta attività di contrattazione. L'offerta dall'apprezzabile standard qualitativo avviata sul circuito commerciale ha continuato ad incontrare una domanda sia interna sia estera interessata che ne ha permesso una fluida collocazione.

Clicca qui per un ingrandimento del grafico.


A livello varietale si conferma l'Abate Fetel la varietà maggiormente richiesta. Ciò ha influito positivamente sulle quotazioni registrate in rialzo sulla maggior parte delle piazze monitorate. In un clima di generale fiducia si sono svolti gli scambi anche per Kaiser e Decana con quotazioni che per quest'ultima sulla piazza di Ferrara hanno teso al rialzo.

Uva da Tavola:le quotazioni hanno mostrato una tendenza al rialzo. Ciò da imputare all'ulteriore incremento registrato per la varietà Italia pugliese per la quale un'offerta in progressivo assottigliamento, unitamente ad uno standard qualitativo ottimale, ha permesso il rapido svolgimento delle contrattazioni. Sostanzialmente stabile il mercato sulle altre piazze monitorate sia sotto il profilo degli scambi che delle quotazioni.

Clicca qui per un ingrandimento del grafico.


Loti:il mercato è risultato caratterizzato da andamenti differenti nelle diverse aree produttive. Una flessione dei listini è stata registrata negli areali produttivi veronesi e napoletani da ritenersi del tutto fisiologica per le aumentate disponibilità sui mercati. Mentre sulla base di prezzi stabili si sono svolti gli scambi nei siti produttivi emiliano-romagnoli fatta eccezione per il prodotto forlivese, i cui corsi a fronte di un'offerta in progressivo assottigliamento hanno teso al rialzo.

Actinidia: in pieno svolgimento le operazioni di raccolta del prodotto in tutte le principali aree vocate. Al momento tutte le attività sono incentrate sulle operazioni di raccolta, di lavorazione e di immissione del prodotto nelle strutture di frigoconservazione. Sotto il profilo degli scambi le contrattazioni concluse sono proseguite in un clima di discreto interesse a fronte di una domanda soprattutto estera che ha continuato a mostrare interesse all'acquisto. I prezzi medi nel complesso hanno mostrato un incremento da imputare esclusivamente all'avvio negli areali del ravvenate delle prime contrattazioni in campagna per la varietà Gold, le cui quotazioni si sono attestate su livelli nettamente superiori rispetto a quelle della varietà Hayward.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto