Presentata ieri a Cibus Tec Food Pack

IV gamma: una ricerca Nomisma svela le differenze di consumo in Italia, Regno Unito e Germania

Ieri, durante il Fresh Tec Lab organizzato in ambito Cibus Tec e dedicato a produttori di quarta gamma, aziende alimentari, distribuzione organizzata e tecnici di settore, è stato presentato lo studio "Tendenze internazionali nel mercato della IV gamma" che Nomisma ha realizzato per Fiere di Parma in collaborazione con Newbusinessmedia.



Denis Pantini, responsabile Area Agroalimentare Nomisma, e Silvia Zucconi, coordinatrice della stessa Area, hanno presentato i modelli di consumo e i nuovi trend della IV gamma risultati dall’indagine sul consumatore europeo.

Rispondendo alle esigenze di praticità e di comodità, oggi la IV gamma rappresenta un prodotto che attira sempre più l'interesse del consumatore, con alcune differenze però tra Italia, Germania e Regno Unito.

Il nostro Paese si attesta al primo posto in Europa per consumo pro capite di insalate di IV gamma: 1,6 kg nel 2013 (poco meno del 3% sul totale delle vendite di ortaggi) a fronte degli 1,4 kg del Regno Unito e 0,5 kg della Germania, che risultano pertanto potenziali mercati da sviluppare.

Sempre a livello di consumi, a rendere appetibile il settore della IV gamma in generale risultano non solo l'attenzione al mangiare sano e la tendenza a combattere costantemente con la bilancia, ma anche la composizione familiare che vede per single e famiglie dual-career (i consumatori più frequenti) la comodità come un driver fondamentale.

Tuttavia, se a guidare le scelte di acquisto del consumatore italiano nell'acquisto della IV gamma sono la comodità e la praticità, prezzo basso e promozione sono invece determinanti nel mercato inglese (il 51% sceglie soprattutto in base al tali fattori) e in quello tedesco (47%).

Anche le occasioni di acquisto diversificano i paesi del panel. Nel Regno Unito la diffusione della IV gamma è certamente molto elevata: il 90% delle famiglie ha acquistato in almeno un'occasione insalate, ortaggi o frutta pronti all'uso. La propensione all'acquisto in Germania coinvolge il 73% delle famiglie mentre in Italia si ferma al 64%. Ma, se la diffusione della IV gamma è maggiore nel mercato inglese, l'Italia è il paese in cui è più elevata la quota di famiglie in cui si consumano prodotti di quarta gamma ogni settimana (oltre il 40%).

Quali prospettive si delineano dunque per la IV gamma? Positive, soprattutto se ci sarà capacità di continuare a innovare. Nel medio periodo, in particolare, sono previste in crescita soprattutto le vendite di frutta di IV gamma (sia nel Regno Unito che in Italia) ma anche quelle relative a insalate e altri ortaggi.

Per maggiori info:
Denis Pantini
Email: denis.pantini@nomisma.it

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto