Agrinsieme: le imprese vedono lontana la ripresa

I prezzi all'origine continuano a diminuire, registrando una riduzione del 4,81% (-6,9% per le coltivazioni) ad agosto 2014, rispetto ad agosto 2013. Lo pone in evidenza Agrinsieme, il coordinamento di Cia, Confagricoltura ed Alleanza delle cooperative agroalimentari, commentando i dati Ismea sui prezzi ad agosto 2014 rispetto ad agosto 2013.

"E' stata un'estate drammatica per il comparto della frutta con cali rilevanti dei prezzi agricoli anche del 30% a giugno e luglio ed una flessione che è proseguita anche ad agosto (-16,8%)", osserva Agrinsieme. Ma anche altri settori sono in grande difficoltà; si evidenziano infatti -22,5% per i prezzi dei semi oleosi, -18,2%per il vino, -13% per gli avicoli.

A ciò si aggiunga il calo dei consumi interni e la necessità di orientare le politiche commerciali sempre più sull'export e sulla competitività sui mercati globali, mentre crescono i costi di produzione. E non vanno sottovalutati gli effetti diretti ed indiretti dell'embargo della Russia sui prodotti europei con una perdita di più di 5 miliardi di euro per l'Europa agricola. Oltre tutto si perdono quote importanti di mercato a vantaggio di Paesi concorrenti; ad esempio stanno crescendo massicciamente in Russia le importazioni di clementine dal Marocco. "Il 2015 sarà l'anno dell'Expo e, ci auguriamo, di una valorizzazione dell'agroalimentare made in Italy. Governo e Parlamento hanno messo a punto un pacchetto di misure (#campolibero) fondamentali, dirette a dare un volano alla crescita e di cui attendiamo i provvedimenti attuativi.

Insomma, nonostante le difficoltà attuali, ci sono le premesse per rilanciare un sistema produttivo fondamentale per il nostro Paese".

Agrinsieme però mette in guardia sulla nuova Legge di Stabilità, di cui si comincia a discutere. "Sin da ora - sottolinea il coordinamento di Cia, Confagricoltura ed Alleanza delle cooperative agroalimentari - sollecitiamo che non freni la crescita di un settore che faticosamente cerca di uscire dalla crisi. Sarebbe contraddittorio tarpare le ali della ripresa di cui si è tracciato un percorso, con un'insostenibile pressione fiscale. Rigore e sviluppo vanno coniugati se vogliamo un'agricoltura di qualità, sostenibile e ambasciatrice del made in Italy nel mondo".

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto