Buona domanda in Europa per le pere Rosemarie sudafricane



L'importatore olandese Origin Fruit Direct è alle prese con la stagione delle pere Rosemarie provenienti dal Sudafrica. Proprio come gli anni scorsi, Safpro è uno dei primi produttori che invia questo frutto esclusivamente in Europa, alla Origin Fruit Fruit Direct.

Secondo Randolf Aaldijk della compagnia olandese, la domanda di pere Rosemarie è solitamente buona. "Nel caso delle pere verdi, sul mercato europeo c'è concorrenza con le Conference, ma in Europa non ci sono molte altre pere disponibili con una bella sfumatura rossa come le Rosemarie. Pertanto i prezzi sono sempre un po' più alti."



"In Europa c'è molto interesse per queste pere, in particolare in Russia. I frutti di calibro grande stanno vendendo bene", dice l'importatore. Tuttavia, l'area commerciale rimane piuttosto stabile. "Il mercato delle pere Forelle, per esempio, è sempre più grande, mentre quello per le Rosemarie resta un mercato speciale per una pera speciale."



"Sempre più esportatori sono alla ricerca di mercati alternativi all'Europa, lo stesso vale anche per gli altri frutti controstagionali. Gli agrumi vengono esportati dal Sudafrica al Sud America, e la Cina ha aperto le porte all'uva. Altri mercati emergenti sono Thailandia, Taiwan, Indonesia e Singapore. Per diverso tempo, anche il Medio Oriente è stato un partner commerciale piuttosto forte", riassume Randolf. "L'Europa riceve quello che resta, anche perché non è un mercato disposto a pagare prezzi fissi e non è che possiamo favorirlo solo per la sua bella faccia."

"Per i frutti di buona qualità ,in genere si ottiene un prezzo migliore. Questo è stato per esempio chiaro con l'uva, quando le varietà Flame sono state vendute ad un prezzo molto alto sei settimane fa. Questo non era mai successo prima. La ragione è che molta più frutta è stata dirottata in Cina e altre destinazioni, dove ci sono prezzi fissi e l'80% viene pagato in anticipo. Ciò che rimane va in Europa e i prezzi aumentano perché l'offerta è minore. Naturalmente c'è anche il rovescio della medaglia: se c'è troppo prodotto o non si soddisfa in pieno la qualità richiesta, i prezzi precipitano come sassi."



"Al momento offriamo pere Rosemarie e Williams. Mi aspetto di aver venduto tutto entro la settimana prossima e poi arriveranno prima le Packhams e poi, nel giro di due settimane, le prime Forelle. I volumi non saranno granché abbondanti. Ci sono buoni prezzi per le pere europee e questo è risaputo nelle nostre aree d'importazione, così anche loro vogliono dei prezzi altrettanto buoni. Qui in Europa non molte aziende sono disposte a correre questo rischio, perché se si acquista a un prezzo fisso poi si deve aspettare e vedere come si sviluppa il mercato."

"Per un po' l'importazione d'oltremare di pere, mele e uva è andata male, ma a causa dei fattori di cui parlavamo prima, negli ultimi anni la situazione è migliorata. Anche i tassi di cambio sono stati favorevoli per le importazioni dal Sudafrica", conclude ​Ronald. "Ma solo alla fine della stagione potremo stabilire se tutti sono soddisfatti. Per questa stagione abbiamo prezzi buoni, ma c'è poco volume. L'anno scorso il Cile ha spedito un sacco di uva rossa senza semi in Europa, perché il mercato americano non era interessato. Ora siamo a corto di questo prodotto. Staremo a vedere come vanno le cose."



Contatti:
Origin Fruit Direct
Keilestraat, 9c
3029 BP Rotterdam
The Netherlands
Tel.: +31 (0)10 244 93 00
Fax: +31 (0)10 478 39 66
Web: www.originfruitdirect.nl

Copyright FreshPlaza.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto