Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Filippine: il settore banane chiede ulteriori aiuti dopo il passaggio del tifone Bopha

L'associazione dei produttori ed esportatori di banane delle Filippine (PBGEA) richiede l'aiuto e l'intervento del governo per supportare i bananicoltori nella ripresa dai danni causati dal tifone Bopha (vedi notizia su FreshPlaza del 6/12/2012).

Il direttore esecutivo di PBGEA, Stephen A. Antig, ha dichiarato che i bananicoltori hanno bisogno di 8 miliardi di Peso (circa 147,7 milioni di euro) per riabilitare gli oltre 14.000 ettari di piantagioni di banane distrutti dal tifone. Antig spiega inoltre che gli sforzi di reimpianto costeranno un massimo di 500.000 Peso (circa 9.236 euro) per ettaro.

Antig ha anche riferito che nelle aree inondate, i produttori hanno bisogno di ripulire i loro sistemi di drenaggio, il che implicherà ulteriori costi che potrebbero raggiungere il miliardo di Peso (circa 18,47 milioni di euro). Le infrastrutture danneggiate sono principalmente centri di confezionamento che per essere riparati o ricostruiti necessitano di 300.000-12 milioni di Peso (5.541-221.677 euro). Finora non sono stati riportati danni agli impianti di stoccaggio.

"Dei 14.000 ettari di piantagioni di banane danneggiate, 9.000 appartengono a piccoli produttori" ha dichiarato Antig spiegando che questi piccoli produttori già hanno chiesto prestiti. "Credo che sarà dura rinnovare od ottenere un altro prestito".

Il 13 dicembre 2012, il segretario all'agricoltura Proceso J. Alcala ha dichiarato che la Banca nazionale delle Filippine assegnerà 2,1 miliardi di Peso (circa 38,8 milioni di euro) in prestito ai bananicoltori colpiti dal tifone a Mindanao. Alcala ha inoltre riferito che il tasso di interesse sarà fissato a meno del 6% e i bananicoltori potranno usufruire di 18 mesi di "tolleranza".

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto