Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Manovra, Gardini (Fedagri): "L'agricoltura fara' la sua parte di sacrifici, ora si passi alla fase due dello sviluppo"

"Con la manovra Salva Italia varata dal Governo le imprese e le cooperative agroalimentari saranno chiamate, alla pari di tutti i cittadini italiani, a fare la loro parte di sacrifici. La tassazione sui terreni e sui fabbricati rurali, l’aumento dei contributi previdenziali e il rincaro delle bollette energetiche renderanno ancora più problematica la situazione delle aziende agricole, in particolare quelle meno dimensionate, e mineranno ulteriormente la loro competitività". Lo ha dichiarato il presidente di Fedagri-Confcooperative Maurizio Gardini, a nome del Coordinamento della cooperazione agroalimentare, dopo l’approvazione in aula del Senato della manovra finanziaria.



"Dopo il via libera alle misure per sanare il debito – aggiunge Gardini – occorrerà passare velocemente alla fase due della crescita. In tale ottica chiediamo al Ministro delle Politiche Agricole Catania di aprire un tavolo con tutte le sigle della filiera agroalimentare per mettere a punto un pacchetto di azioni per il rilancio di un comparto produttivo che è tra i più importanti del sistema economico Paese. E sul quale pesano purtroppo problemi strutturali, come la disorganizzazione dell’offerta, il peso e i costi della burocrazia e un modello di impresa agricola non sufficientemente strutturato per stare sul mercato".

----
Le tre organizzazioni cooperative Fedagri-Confcooperative, Legacoop-Agroalimentare e Agci-Agrital rappresentano 5.100 cooperative attive, con oltre 720.000 produttori, 90.000 addetti. Il fatturato complessivo supera i 32 miliardi di euro.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto