Conseguenze anche in Italia

Summit di Durban: il 2011 e' il sesto anno piu' caldo da 2 secoli

La conferma della necessità di agire subito per contrastare i cambiamenti climatici al centro della conferenza di Durban viene anche dal fatto che il 2011 in Italia si classifica al sesto posto tra gli anni più caldi da oltre due secoli, ma è stato anche l’anno in cui si sono moltiplicati gli eventi estremi con frane e alluvioni che hanno portato alla perdita di numerose vite umane.

E' quanto afferma la Coldiretti sulla base delle rilevazioni dell''Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bologna (Isac-Cnr), dai quali emerge che l’anno meteorologico 2011 (dicembre - novembre) ha fatto segnare temperature medie superiori di 0,88 gradi rispetto alla media di riferimento del periodo 1971-2000.

Si tratta - sottolinea la Coldiretti - di un andamento in linea con quanto è avvenuto a livello globale dove la temperatura media registrata sugli oceani e sulla terraferma, tra gennaio e ottobre, è stata la decima più calda mai registrata. Il fatto che i record delle temperature alte mai registrate si concentrano in Italia e nel mondo proprio nell’ultimo decennio evidenzia - sostiene la Coldiretti - l’importanza di agire al più presto per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici che si fanno sentire con particolare intensità nelle campagne.

L'aumento degli eventi estremi e lo sfasamento delle stagioni sono entrati nella norma e rappresentano una nuova sfida per lo sviluppo che – conclude la Coldiretti - l'impresa agricola che deve interpretare il cambiamento e i suoi effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto