Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Wolt, l'innovazione eolica passa tra le vigne

Si chiama Wolt e prevede di utilizzare la Humdinger Windbelt Technology, un'innovazione assoluta nel campo dell'eolico, consentendo di sfruttare l'energia del vento parallelamente alla produzione del vino.

L'idea nasce da uno dei giovani studenti tedeschi che partecipano al James Dyson awards, un premio che ogni anno mette in competizione le migliori idee nel campo del design ingegneristico. La Humdinger Windbelt Technology è invece una geniale intuizione di due scienziati del MIT, Shawn Frayne e Petite Anse, i quali hanno ideato una turbina senza rotore che sfrutta anche le piccole oscillazioni causate dal vento. La turbina ha una struttura lineare ed è composta da una cinta tesa ai margini da due magneti che producono energia elettrica attraverso due bobine di rame.



I campi di applicazione di questa tecnologia sono molteplici, uno di questi potrebbe essere, appunto, la produzione del vino. Secondo il progetto denominato "Wolt", presentato al James Dyson awards, si potrebbe pensare, infatti, di sfruttare la grande quantità di vigneti presente sul nostro territorio - che durante l'anno, al di là della vendemmia, sono praticamente inutilizzati - per installare degli impianti eolici alternativi come quelli ideati da Frayne e Anse, che non avrebbero alcun impatto sui campi e potrebbero consentire agli agricoltori di guadagnare dei sostanziosi "extra" con un investimento iniziale piuttosto ridotto.

Non essendo dotati di alcuna turbina, gli impianti eolici possono essere installati facilmente come supporti alla classica struttura delle vigne, collegati fra loro al di sopra del terreno. Le cinture del vento sono inoltre molto efficienti (il costo dell'elettricità è di 0,037 euro per kWh alla velocità media del vento di 6 metri al secondo) e resistenti nel tempo.

L'ispirazione per questo progetto viene dall'idea di decentralizzare la produzione energetica, secondo il progetto presentato al James Dyson awards, e di rendere più efficiente un sistema produttivo come quello del vino, consentendo di abbinarlo alla produzione di energia elettrica rinnovabile, che potrebbe essere immessa in rete consentendo di ridurre in modo sostanzioso le spese di produzione.

Per maggiori informazioni:
www.jamesdysonaward.org
www.humdingerwind.com

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto