Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

In molte zone manca il presidio dell’agricoltore

Maltempo: devastato anche il Sud, ingenti danni al territorio per incuria, cemento e degrado

L’emergenza maltempo torna a flagellare l’Italia, colpendo questa volta il Sud. Ma se è vero che i fenomeni meteorologici di questi giorni sono eccezionalmente intensi, è fuori ogni dubbio che la situazione è ancora una volta notevolmente aggravata dall’alta criticità idrogeologica del Paese, che interessa due comuni su tre. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, esprimendo cordoglio per le vittime della frana di Saponara e solidarietà a tutta la popolazione del Messinese e del Catanzarese coinvolta nell’alluvione.

Poco si è fatto in questi anni per tutelare il territorio ed evitare l’abbandono da parte degli agricoltori, la cui opera di presidio e di manutenzione in certe zone è fondamentale. Negli ultimi quarant’anni - spiega la Cia - quasi il 30% delle campagne è stato abbandonato o coperto dal cemento. Solo nell’ultimo decennio l’agricoltura ha perso una superficie di terra coltivabile di oltre 19.000 kmq. Senza contare che dal 1950 a oggi si sono spesi più di 200 miliardi di euro per riparare ai danni causati dalle calamità naturali: sarebbe bastato destinare il 20% di questa cifra a opere di manutenzione del territorio per limitare le disastrose conseguenze e soprattutto le perdite umane.

Non solo. Sono circa un milione gli immobili abusivi, spesso costruiti non a norma e, quindi, a grave rischio in presenza di una calamità naturale.

Quello che sta avvenendo di nuovo in questi giorni in Sicilia e Calabria - osserva la Cia - ripropone con forza le tematiche legate all’assetto idrogeologico e alla sicurezza delle persone e delle attività produttive. Per evitare il ripetersi di tragedie serve una rinnovata attenzione. Occorre una politica con la quale puntare a una vera salvaguardia del territorio con risorse adeguate. Una politica che garantisca il presidio da parte dell’agricoltore, la cui attività è necessaria soprattutto nelle zone marginali. Bisogna varare interventi concreti per mettere in sicurezza interi paesi minacciati da frane e da smottamenti. Il problema della tutela del territorio e dell’ambiente non può più essere trascurato.

Per questo, accanto agli interventi legati all’emergenza - conclude la Cia - è assolutamente indispensabile un’azione coordinata, programmata e condivisa del Governo e delle Regioni volta all’attività di prevenzione dei disastri naturali. Bisogna superare atteggiamenti passivi o superficiali, adottando strategie dinamiche di progetto e di iniziativa, attraverso gli strumenti ordinari della programmazione: progettare in sicurezza per assicurare un territorio tutelato e al tempo stesso produttivo.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto