Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Confagricoltura sul biotech: "Ricerca e sperimentazione per non perdere il treno della competitivita'"

"Nel mondo il biotech è un’esperienza di successo, con una continua crescita degli ettari investiti. Gli imprenditori agricoli italiani non possono rinunciare ai vantaggi dell’innovazione, perdendo competitività e capacità di stare sul mercato". Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi intervenendo oggi al Convegno organizzato da Futuragra "Biotecnologie: quanto costa non decidere".

"In Europa, a dispetto delle evidenze scientifiche e di quanto accade nel mondo - ha spiegato il presidente Guidi - si va sempre più diffondendo un clima di ingiustificata diffidenza nei confronti del biotech, che sta influenzando le scelte politiche a riguardo. Non è un caso che Bruxelles, con un regolamento in discussione, intenda lasciare agli Stati membri piena libertà di divieto delle coltivazioni transgeniche. Uno scenario che, conoscendo l’approccio al problema delle nostre istituzioni, contrarie a tutte le forme di coesistenza, molto probabilmente finirebbe per vedere escluso tutto o quasi tutto il territorio italiano dalla coltivazione di specie transgeniche, rinunciando ai vantaggi economici che la ricerca presentata oggi da Futuragra stima per i maiscoltori italiani".

"Siamo riusciti a demonizzare non solo i prodotti geneticamente modificati – continuato il presidente di Confagricoltura, ma anche la tecnologia e questo è un grave errore. Senza risolvere, peraltro, quello che noi chiamiamo 'il paradosso europeo degli OGM': non è possibile coltivarli, ma si continua ad autorizzarne l’importazione in forte competizione con le nostre produzioni e danneggiando i nostri coltivatori".

"Occorre uscire da questo empasse – ha concluso Guidi - riscoprendo l’autorevolezza della Scienza, liberando la ricerca e la sperimentazione, soprattutto quella pubblica e licenziando le norme sulla coesistenza in modo che l’agricoltura convenzionale e quella biologica non vengano danneggiate. Il mercato e soprattutto un consumatore informato e consapevole sapranno scegliere".

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto