Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il bilancio della Cia-Confederazione italiana agricoltori sull'attuale stagione del radicchio

La Cia-Confederazione italiana agricoltori ha fornito le prime stime sull'andamento della campagna d'autunno della cicoria rossa (radicchio). Mentre nel trevigiano il clima caldo dell'autunno ha ritardato la piena maturazione e dunque la raccolta del "Rosso tardivo", si inizia a delineare l'andamento complessivo della stagione, che fa prevedere un calo medio dei volumi del 30%.

A pagare di più, però, è la varietà di Chioggia, la più comune e la più economica, che da sola rappresenta oltre la metà di tutti gli altri radicchi veneti con 30.000 tonnellate prodotte soltanto nel comune d'origine. Ma che adesso - spiega la Cia - fa registrare una riduzione compresa tra il 40 e il 50%.

Invece non perdono "appeal" e quote di mercato le varietà più "nobili", che si sono rivelate immuni al crollo generalizzato dei consumi ortofrutticoli dopo lo tsunami "batterio killer". Nello specifico - sottolinea la Cia - si stima una produzione pressoché stabile per la varietà tardiva di Treviso Igp, che si dovrebbe attestare sui 550.000 chili.

Ancora meglio fa il Variegato di Castelfranco Igp, per il quale si prevede un aumento produttivo del 27%. Un rialzo che conferma il suo trend da record, legato soprattutto all'ampliamento di terreno certificato: infatti, se nel 2009-2010 si producevano 189.080 chili di Variegato di Castelfranco (+57% rispetto all'annata precedente), nel 2010-2011 si è giunti a quota 262.508 chili, mettendo a segno una crescita tendenziale del 38%.

Insomma, a pagare a caro prezzo l'ultimo allarme alimentare in ordine di tempo sono solo i produttori del radicchio più a buon mercato, i più diffusi e utilizzati, che in molti casi a luglio hanno rinunciato a seminare - continua la Cia - scoraggiati dai prezzi sui campi, che nei mesi scorsi hanno toccato i 5-10 centesimi al chilo, contro i 35 centesimi al chilo solo di costi produttivi. Uno squilibrio dovuto agli effetti del "batterio killer", responsabile del crollo estivo del 20% dei consumi di ortofrutta nel Paese.

Il radicchio resta comunque un prodotto molto amato dagli italiani: solo nel 2010 gli acquisti medi si sono aggirati attorno ai 2,6 chili annui per famiglia, con una spesa di 136 milioni di euro: una cifra cresciuta del 24% rispetto al 2009 e addirittura del 64% rispetto alla media degli anni 2007-2008.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto