Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

India: previsioni sulla produzione e il consumo 2011/12 di noci

La produzione indiana di noci era prevista in aumento del 50% per un record di 45.000 tonnellate nella stagione commerciale 2011/12, ma le avverse condizioni meteorologiche potrebbero ridurre del 20% la produzione, secondo un rapporto del dipartimento americano dell'agricoltura (USDA).

Secondo quanto rivela il rapporto, il paese ha prodotto circa 30.000 ton nella campagna di commercializzazione 2010/11 (agosto-luglio). Tuttavia, le avverse condizioni meteorologiche potrebbero sempre abbassare la stima attuale del 5-20%, come accaduto alla produzione dello scorso anno (2010/11).

Forti piogge e un clima anomalo durante la stagione di fioritura nel mese di agosto 2010 hanno ridotto la produzione a circa 30.000 ton. Il consumo di noci del paese è stimato in aumento di quasi il 13% fino a raggiungere quota 18.000 ton nella campagna 2011/12 dalle 16.000 ton dello stesso periodo dell'annata precedente.

Quasi la metà delle noci prodotte in India vengono consumate a livello nazionale, la maggior parte delle quali durante la stagione delle feste (settembre-gennaio). Circa il 10% viene utilizzato in pasticceria, nel settore dolciario e per il gelato industriale; il 2-3% viene utilizzato per l'estrazione di olio destinato a saponi e cosmetici.

Le principali aree di coltivazione delle noci sono Jammu e Kashmir, Himachal Pradesh, Uttarakhand e gli stati nord-orientali. L'USDA ha sottolineato che le noci perdono terreno rispetto a mele e frutta fresca in termini di superficie coltivata, poiché queste ultime hanno maggiori ritorni economici.

La mancanza di varietà ad alto rendimento, periodi di gestazione lunghi, cattiva gestione dei frutteti e rese incostanti (si stimano 18-50 kg per pianta all'anno) hanno mantenuto la produzione delle noci quasi stagnante in India.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto