Problemi nel commercio con la Russia

Non male i prezzi delle arance destinate al trasformato

Le importazioni olandesi di arance prodotte oltreoceano sono terminate a causa dei dazi d'importazione extra, che scattano in questo periodo per non danneggiare le produzioni europee. Fino al 15 ottobre, infatti, sono stati importati normalmente agrumi da Sudafrica, Argentina, Uruguay e Brasile; ora si attendono quelli spagnoli. Sul mercato sono disponibili solo arance già stoccate in celle frigo.

"Nelle ultime settimane sono stati importati grandi volumi, una cosa buona perché abbiamo bisogno di agrumi per le prossime 6-8 settimane - afferma un commerciante - Ci sono ancora abbastanza arance in stock". Non si prevede una carenza di prodotto sul mercato. "Forse i volumi saranno leggermente ridotti, ma in ogni caso il prezzo si manterrà".

"Il mercato non è male, soprattutto non per le arance destinate alla trasformazione. Al momento i prezzi oscillano tra i 11 e 14 euro/cassa per le arance da industria e 14 euro per quelle destinate al consumo", continua l'operatore.

In Sudafrica la raccolta è terminata. "Hanno avuto una discreta stagione". Colpisce il fatto che in quest'annata i paesi d'oltreoceano abbiano esportato maggiormente in Russia, ma che ora siano diventati riluttanti a riguardo. Molti affari sono andati storti quest'anno e i prezzi sono pessimi poiché si registra un surplus di offerta".

Le prime Navelina spagnole sono attese tra circa due settimane. "Per quanto riguarda la temperatura in Spagna, risulta in calo. Le arance hanno bisogno della giusta temperatura per raggiungere un'adeguata colorazione".

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto