USA: l'industria mostra scarso interesse per la mela geneticamente modificata Arctic

Con l’aumento costante della richiesta da parte dei consumatori di prodotti fresh-cut (IV gamma) e ad alto valore aggiunto, i commercianti di mele già tagliate si sono affrettati a risolvere il problema dell’imbrunimento. I trasformatori hanno trovato soluzioni con prodotti come NatureSeal, che inibiscono l’imbrunimento per settimane e il mercato delle mele a fette, al dettaglio o per la ristorazione, ha rappresentato un successo negli ultimi dieci anni.

Sembra che i produttori e commercianti di mele statunitensi non siano perciò molto entusiasti della varietà di mela geneticamente modificata per non imbrunire che un’azienda biotech canadese sta tentando di introdurre. La compagnia Okanagan Specialty Fruits, di Summerland nella Columbia Britannica, ha infatti richiesto l’approvazione del Ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti per la coltivazione e la vendita di Arctic, una varietà di mela OGM (geneticamente modificata) che non imbrunisce quando è tagliata a fette (vedi precedente articolo). Ma, anche se l'approvazione arrivasse, forse rimarrebbero ostacoli più grandi.

"Notiamo una certa una certa diffidenza", ha detto Sharon Miracle, responsabile delle comunicazioni per la Tree Top Inc. di Selah (Washington), azienda che commercializza prodotti, freschi e congelati, a base di mela a fette o in cubetti. "Alcuni dei nostri clienti pretendono la certificazione che non usiamo frutta geneticamente modificata".

Ai produttori di Domex Superfresh, a Yakima (Washington), la responsabile del marketing e della comunicazione Loren Queen ha detto "la mela OGM non è neanche sui nostri schermi radar".

La riluttanza dei consumatori nei confronti della frutta geneticamente modificata ha spinto la Sage Fruit Co. LLC con sede a Yakima a trascurare la questione, ha affermato Chuck Sinks vice presidente delle vendite. L’argomento figura così in basso nella lista delle priorità che l'azienda non ha stabilito una politica su questi prodotti. "Non è mai stato discusso formalmente", ha detto Sinks.

C’è stata sul mercato globale una certa accettazione dei prodotti modificati, ha dichiarato Todd Fryhover, presidente della Commissione di stato per la mela con sede a Wenatchee (Washington), riferendosi al riso e al frumento. "Ma la questione della mela è molto differente", ha detto. "Se ci fosse una domanda di mercato per una mela viola, cercheremmo il modo di coltivare una mela viola", ha spiegato. "Ma non avvertiamo il desiderio o un'esigenza effettiva di mele che non imbruniscono".

Anche se le modifiche possono offrire alcuni benefici, l'industria della mela fresca percepisce la diffidenza del consumatore, ha spiegato Roger Pepperl, direttore marketing di Stemilt Growers Inc., Wenatchee. "I prodotti che sono travisati o non accettati non avvantaggeranno finanziariamente nessuno", ha detto.

Da parte sua, l'associazione statunitense della mela (U.S. Apple Association in Virginia), non si oppone alla ricerca sulle mele OGM. "Sosteniamo la struttura normativa basata sulla ricerca scientifica, che permette alle biotecnologie applicate alle piante da frutto di progredire, ma che protegge anche la salute dell’uomo e dell’ambiente", ha dichiarato Allison Parker, responsabile dell'associazione per la salute e la formazione del consumatore. Ancora una volta, tuttavia, se i consumatori volessero comprare mele che non imbruniscono, sarebbe un'altra questione. "Ciò è quanto stiamo cercando di capire", ha detto la Parker.

Sembra proprio che, almeno per ora, la Okanagan Specialty Fruit troverà difficilmente produttori e commercianti statunitensi interessati alla sua mela.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto