Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Raffaele Testolin, professore del'Università di Udine e costitutore della nuova varieta' di Actinidia

"Il kiwi Soreli si puo' coltivare sia al Nord, sia nel Centro-Sud. Positivi finora i test negli areali di Latina e nel Metaponto"

Giambattista Pepi, giornalista di FreshPlaza Italia, ha intervistato Raffaele Testolin, professore ordinario di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree dell’Università degli studi di Udine, nonché costitutore della varietà di Kiwi Soreli assieme al dott. Guido Cipriani, ricercatore nel Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali della stessa Università sugli sviluppi di questa varietà innovativa.

FP - Professore, come sta procedendo la diffusione della varietà di Kiwi Soreli?

RT - La diffusione di Soreli ha avuto un inizio travolgente, che nessuno di noi si aspettava, vuoi per l’aspetto accattivante del frutto, vuoi perché le altre due varietà di kiwi giallo disponibili sul mercato - Hort16A e Jintao – sono gestite a club e, né i vivaisti possono accedere ai diritti di moltiplicazione, né i produttori possono piantare liberamente. Solo nel primo anno stimiamo siano state collocate sul mercato professionale e amatoriale oltre 100mila piante.

Poi è arrivato il 'panico' per la diffusione di un ceppo di Pseudomonas particolarmente virulento nei confronti dell’actinidia e questo ha praticamente bloccato la richiesta di piante. Ora c’è qualche segnale di ripresa delle richieste, ma la paura dei produttori è ancora tanta.


Il professore Raffaele Testolin.

FP - Quale modello di "governance" avete scelto per regolare la protezione varietale e i diritti di moltiplicazione?

RT - E’ stata una scelta difficile e concordata tra l’amministrazione dell’Università di Udine e i costitutori. Si è scelto di dare l’accesso ai diritti di moltiplicazione nell’Unione europea a chiunque ne avesse fatto richiesta. Successivamente, al primo incontro con i licenziatari, gli stessi hanno chiesto all’Amministrazione universitaria la sospensione di ulteriori concessioni in cambio di una collaborazione nel controllo della moltiplicazione. L’Università di Udine ha ritenuto ragionevole la proposta e così gli attuali licenziatari per l’area UE sono 14.

Diverso è il discorso per quanto riguarda i diritti di moltiplicazione extra-UE. In questo caso, considerata la difficoltà di controllo delle moltiplicazioni in paesi lontani, l’Università ha deciso di concedere i diritti di moltiplicazione in esclusiva. E’ stata pubblicizzata la richiesta di manifestazioni di interesse e alla fine la trattativa è stata chiusa con una società specializzata nella gestione di brevetti vegetali con sede in Sudafrica: la Biogold International Ltd. (vedi anche precedente articolo). La trattativa non è stata semplice, ma i colleghi dell’Ufficio brevetti dell’Università di Udine, in particolare la dottoressa Sandra Salvador e il dottor Giorgio Miclet, hanno mostrato un’eccezionale professionalità e credo che alla fine il brevetto sia stato "venduto" bene.

FP - Dal punto di vista agronomico, avete condotto prove in campo sulle forme più idonee di allevamento di questa varietà?

RT - Ovviamente no. La valutazione agronomica antecedente al licenziamento della varietà mirava essenzialmente a comprendere l’adattamento della nuova varietà ai diversi ambienti di coltivazione italiani e per questo sono state condotte prove di coltivazione su scala limitata in tutte le principali regioni actinidicole del Paese.
Devo anche dire che le forme di allevamento possibili non sono molte: si possono ridurre a due o tre. Esse sono la pergoletta (la forma che consigliamo maggiormente), il tendone modificato ed, eventualmente, il GDC.

Più difficile è il discorso sulle distanze di impianto sulla fila, perché è necessario conciliare la necessità di una buona gestione della pianta negli anni che suggerirebbe distanze attorno ai 2.5-3 metri con la necessità di avere produzioni significative nei primi anni, quando la remunerazione di una nuova varietà è sicuramente più elevata, cosa che suggerirebbe di stringere le distanze fino a 2 metri sulla fila. Da questo punto di vista ci troviamo in disaccordo con alcuni vivaisti che consigliano spesso distanze eccessivamente strette sulla fila.


Una pianta di kiwi Soreli carica di frutti.

FP - Sono stati condotti test di tolleranza e/o resistenza a malattie, recentemente segnalate come particolarmente aggressive nei confronti della coltura, come l’avvizzimento delle piante sostenuto da Verticillium alboatrum, segnalato nel 2009 in Cile o il più temuto cancro batterico sostenuto da Pseudomonas syringae (PSA) segnalato nel 2009 in Italia e presente anche in altri Paesi?


RT - Non sono stati condotti studi sull’argomento perché al momento del licenziamento (2008) il caso non era ancora scoppiato. Stiamo programmando un test di resistenza a Pseudomonas in Italia e un test di resistenza a Verticillium in Cile. Vorremmo programmare entrambe le prove per tutte le varietà di giallo e verde coltivate nei due Paesi. Per questo stiamo chiedendo la collaborazione dei titolari delle altre varietà coperte da brevetto, in modo da fornire ai frutticoltori un’informazione completa.

FP - Per quanto riguarda invece le basse temperature, qual è stato il comportamento della varietà Soreli? E come si è comportato nei fenomeni gelivi comparato con la cultivar Hayward?

RT - In occasione dell’ondata di freddo del dicembre 2009, che nella pianura friulana ha raggiunto minime attorno ai -18 °C, Soreli si è rivelata più resistente di Hayward al gelo. Tale resistenza si è tradotta in un numero minore di gemme fertili perse, mentre per quanto riguarda le spaccature ai tronchi nei casi estremi, non abbiamo notato differenze tra le due varietà. Si tratta ovviamente di osservazioni sporadiche, anche se obiettive.

Per quanto riguarda la sensibilità alle gelate, le diverse varietà non mostrano comportamenti apprezzabilmente diversi e quindi la maggior sensibilità alle gelate primaverili delle varietà a polpa gialla è legata alla schiusa delle gemme più precoce. Dobbiamo, tuttavia, sottolineare che, mentre Hort16A è molto precoce e germoglia circa un mese prima di Hayward, Soreli germoglia solamente una settimana prima di Hayward ed è quindi meno esposta alle gelate primaverili rispetto a Hort16A.

Anche per quanto riguarda le gelate autunnali, che possono danneggiare i frutti, Soreli si raccoglie circa un mese prima di Hayward, in un periodo in cui i pericoli di gelate non ci sono.

FP - Dove consiglierebbe di coltivare Soreli?

RT - Per le cose dette sopra, la varietà si adatta bene al Nord, ma abbiamo dati interessanti sul fabbisogno in freddo, che è molto basso, inferiore di circa 300 ore rispetto ad Hayward, che ci fa dire che la varietà si può adattare altrettanto bene al Centro-sud. In effetti, la varietà si sta comportando molto bene, sia nella zona di Latina, sia nel Metaponto, dove la stiamo osservando dal 2007.

Per maggiori informazioni:
ufficio.stampa@amm.uniud.it

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto