Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le previsioni sulla campagna frutticola 2010/11

Gli esportatori cileni pagano pegno al rafforzamento della moneta locale

In Cile, un peso (la moneta locale) più forte rispetto al dollaro USA sta causando qualche preoccupazione per i profitti derivanti della commercializzazione della frutta nella stagione 2010/11.

A metà ottobre, per un dollaro ci volevano 490 pesos cileni, rispetto ai 540 pesos per dollaro nel mese di luglio e ai 562 pesos per dollaro un anno fa.

Il Dipartimento americano dei servizi agricoli esteri ha riferito che i recenti andamenti delle valute potrebbero tradursi in una perdita di 650 milioni di dollari per i profitti del settore frutticolo cileno durante la stagione 2010/11, rispetto alla stagione precedente.

Questa riduzione equivale al 22% dei profitti complessivi del settore nella passata stagione, che avevano raggiunto i 3 miliardi di dollari.

Il settore frutticolo cileno ha chiesto più volte al governo di intervenire sul mercato valutario, per moderare la forza del peso.

"Purtroppo, meglio va l'economia del paese, peggio è per gli esportatori, in quanto il peso si rafforza", ha affermato Jose Manuel Alcaino, presidente della Decofrut SA, che ha sede a Santiago. Inoltre, ha aggiunto, l'economia cilena nel suo complesso è cresciuta al di sopra di ogni aspettativa, con un +6% solo nell'ultimo trimestre.

"Tre anni fa il cambio era di 650 pesos per dollaro, mentre ora per ogni dollaro di merce venduta si ricevono solo 480 pesos," ha affermato Alcaino, aggiungendo che, in Cile, tutte le spese sono pagate in pesos, e che esse sono aumentate negli ultimi tre anni.

Mentre il cambio peso-dollaro è fonte di grandi preoccupazioni per gli esportatori, quello che conta per il settore frutticolo cileno è il prezzo ricevuto per la frutta venduta. Così gli esportatori stanno cercando di ottenere una migliore quotazione sui mercati per compensare lo sfavorevole rapporto peso-dollaro. "Questa è la preoccupazione, e questa è la sfida", ha detto Alcaino.

In generale, il Cile prevede un aumento dei volumi di uva esportata, che potrà annullare il calo del 6% delle esportazioni della scorsa stagione. Secondo l'USDA, il Cile ha esportato 102 milioni di cassette di uva durante la scorsa stagione, 52,9 milioni delle quali sono state inviate negli Stati Uniti.

Le spedizioni cilene di ciliegie potrebbero aumentare di una quantità significativa, passando forse da 6,7 milioni di cassette dell'anno scorso a quasi 12 milioni di cassette quest'anno. Alcaino ha affermato che, un anno fa, la Cina assorbiva una quota del 45% delle esportazioni di ciliegie cilene ed è stato l'unico paese a registrare un aumento nelle importazioni di ciliegie.

La produzione di pesche e nettarine nella prossima stagione dovrebbe essere simile a quella della stagione passata, mentre per le prugne si potrebbe verificare un rimbalzo, dopo il calo delle rese dell'anno scorso.

Alcaino ha concluso dicendo che il terremoto che ha colpito il Cile il 27 febbraio 2010, causando danni alle infrastrutture e ai porti, non avrà effetti persistenti sulle esportazioni nel corso della stagione 2010/11.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto